Come gli alchimisti trasformavano il ferro in oro… voi potete trasformare l’oscurità in luce. Siete tutte benvenute.

venerdì 5 aprile 2013

I mass-media devono fare il loro lavoro

Non tanto spesso quanto sarebbe, a mio avviso, necessario, i mass media si degnano di parlare di DCA. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, l’immagine che passa attraverso la TV o attraverso i giornali delle persone che hanno un DCA è talmente fuorviante che mi verrebbe voglia di prendere a capocciate il televisore per sfogare tutta la mia frustrazione.

Il caso di specie:

Anoressia e Bulimia sono drammaticamente in aumento 

Tratto da una storia pubblicata on-line dal giornale “The Independent” relativa ad una psicologa che attraverso il suo articolo cerca di parlare ai genitori in merito al come crescere figlie adolescenti. (Dateci una lettura per farvi un'idea di dove andrò a parare, poi tornate qui a leggere quel che segue...)

"Anche l’anoressia e la bulimia sono drammaticamente in aumento: le statistiche prodotte in merito ai ricoveri ospedalieri di ragazze affette da disturbi alimentari ammontava, lo scorso Ottobre, al 16% di tutti i ricoveri, e di questi il 10% era relativo a ragazze di non più di 15 anni. 

“Questa è un’ informazione molto interessante” – afferma Biddulph – “Chiunque abbia una figlia adolescente adesso penserà a questo, guardandola”. Le figure da rimproverare, afferma anche, sono soprattutto i mass-media, e la società attuale. “Stanno distorcendo la sensibilità delle ragazze, le fanno sentire come se avessero una fisicità inadeguata. Ma è tutta una strategia di marketing”. "

(mia traduzione) 

L’articolo parla anche dell’“epidemia” di autolesionismo nella medesima popolazione adolescenziale. Sebbene non sappia molto sulla prevalenza dell’autolesionismo, posso con ragionevole certezza affermare che la valutazione dell’incremento del numero dei ricoveri ospedalieri di persone affette da DCA non ci dice nient’altro che il fatto che ci sia stato un aumento del numero dei ricoveri per DCA.

Quello che invece NON ci dice:

(in grassetto + corsivo, quello che afferma l'articolo. A seguito, il mio commento)

• C’è stato un aumento dei casi di DCA. No. Il numero COMPLESSIVO delle persone affette da un DCA può essere pure rimasto inalterato o diminuito. Non lo sappiamo, in realtà. L’aumento del numero dei ricoveri può essere dovuto al fatto che ci sono stati dei casi più severi di malattia, o che i DCA vengono diagnosticati più di frequente e questo comporta una più frequente ospedalizzazione. Non ci dice affatto quanti sono i casi di persone con DCA che non sono attualmente ospedalizzate.

• Un aumento del numero di ospedalizzazioni è una cosa drammatica. Se più persone affette da DCA accedono ad ospedali (o a strutture specializzate), significa che più persone ricevono le cure di cui necessitano. Mi sembra una cosa positiva.

• Le 15enni sono maggiormente a rischio DCA. Considerato che l’età di maggior incidenza dell’anoressia è quella compresa tra i 12 e i 18 anni, non sorprende che un elevato numero di persone ospedalizzate siano 15enni. Anche la persona che ha scritto l’articolo non lo troverebbe scioccante né sorprendente, se si fosse documentato un po’ al riguardo, prima di scrivere.

• C’è un epidemia di DCA. Da definizione tecnica, “Si definisce epidemia (dal greco επί + δήμος, lett.: sopra il popolo ) una malattia che colpisca quasi simultaneamente una collettività di individui con una ben delimitata diffusione nello spazio e nel tempo, e che causi un numero dei casi in aumento rispetto ai valori attesi.” (grazie, Wikipedia!) Ecco il punto: non abbiamo alcuna informazione relativamente al numero complessivo delle persone che attualmente hanno un DCA in una determinata popolazione, per cui NON POSSIAMO dire che il numero dei casi sia superiore a quelli che ci saremmo aspettati. Perché, quanti casi ci saremmo aspettati? Dire che c’è un’epidemia di DCA è gettare fumo negli occhi. Per quel che ne sappiamo, NON c’è un’epidemia di DCA, attualmente.

I DCA esistono da ben prima dell’avvento dei mass-media. E non mi risulta – consultando studi pubblicati su PubMed – che ultimamente vi sia stato un chissà quale incremento di anoressia e bulimia, e che questo presunto fatto sia ascrivibile ai mass-media. Ascoltiamo pure quello che ci viene detto in TV… ma poi documentiamoci attraverso fonti più scientifiche, perché solo così possiamo arrivare a reali conclusioni, senza farci imbonire.

14 commenti:

Vanessa Molinari ha detto...

Sono pienamente d'accordo con te, peró sinceramente forse oggi è vero che la società si preoccupa sempre di più dell'aspetto fisico non solo riguardo la magrezza, guarda ad esempio la donna di 50 anni che si rifà il seno o una liposuzione, 20 anni fa sarebbe stato improponibile, avrebbe scioccato oggi è normalità invece, anche la magrezza e la forma fisica sono ricercate e le persone vogliono apparite il forma e magre, e non solo le ragazzine guarda le palestre, i centri estetici, i
dietologi, ecc, quindi secondo me puó succedere che una persona inizi una dieta (per conformassi ai canoni estetico della società)poi perda il controllo e subentri un Dca... Peró c'è altro in realtà, diciamo che magari la dieta è il conseguente DA sono solo il fattore scatenante, altrimenti saremmo tutti o Anoressici o Bulimici!

Vanessa Molinari ha detto...

Veggie siccome ti reputo molto sincera e hai una grande esperienza, posso chiederti se perfavore, e se ovviamente hai voglia di dare un occhiata a 2 dei miei post: "terrore delle quantità", "la mia bulimia"... Penso che tu riusciresti a farmi capire meglio alcuni miei aspetti! Ho notato che con il blog riesco a razionalizzare molti aspetti del mio modo di essere, anche il solo fatto di non "fingere" in continuazione mi aiuta molto!!
Non vorrei chiederti troppo, ma ci ho provato!! (io detesto chiedere, mi sento umiliata, ma ho molta stima di te, nonostante il fatto che tu hai lottato per uscirne e a me invece piace stare sul filo del rasoio)
Un abbraccio

Wolfie ha detto...

Quello che mi colpisce leggendo questo post, è il constatare come giornali, televisione, articoli pubblicati in quotidiani su internet, riescano abilmente a manipolare le notizie e la realtà. Senz’altro i giornalisti hanno il vero dono della scrittura (o della parola) per in qualche modo riescono a far passare come se fosse vero qualsiasi cosa scrivono. Lo scrivono con una tale scioltezza e convinzione, che viene quasi spontaneo pensare che sia vero, senza porsi altre domande, come prendendolo quasi per verità assoluta, quando invece non è così. Però le parole che certi giornalisti usano sono così ammalianti, che tu non puoi fare a meno di pensare che una cosa scritta con tale convinzione debba essere per forza vera. E invece non lo è, perché non è scritta con convinzione, ma col solo talento che ha chi riesce ad abbindolare gli altri. I giornali, la televisione, riescono a dire la loro verità, e a far credere che quello che dicono sia vero per davvero (scusate il pessimo gioco di parole) ma non è così. Grazie a questo post ho iniziato a rifletterci. Non che sia una cosa cui non avessi pensato prima, però adesso ci ho fatto ancora di più mente locale. Bisogna stare attente a non farci fregare, e a non credere a tutto quello che ci viene detto, solo perché chi lo dice sembra convincente. Bisogna sempre ragionare con la propria testa. Anche e soprattutto quando si parla di dca.

Pulce ha detto...

Mi ha scioccata la definizione "epidemia", quasi come se fosse una malattia che le persone sin trasmettono una con l'altra. È assurdo, quasi come se fosse una malattia tipo l'influenza...e poi brava, non ci sono numeri...forse con i numeri si può ragionare di più.
Mah, so solo che quando leggo certi articoli mi chiedo, ma in che società siamo finiti? Non lo so.

Bellissimo post, come sempre ;) molto interessante

trappolapertopi2 ha detto...

Sono d'accordo - ovviamente - sul fatto che i media distorcono la realtà dei disturbi alimentari. In molti casi, questo peggiora solo le condizioni di chi ha un dca.
Però, pensandoci bene, l'allarmismo è una cosa che un po' va a nostro vantaggio. Certo, è una cazzata dire che i dca derivino dai modelli di bellezza. Ma se dicono che i dca sono in aumento, è come dire alla gente "fate attenzione, vostra figlia/amico/sorella potrebbe avere un dca". E, considerato tutte le persone che nascono un dca per anni, magari un po' più d'attenzione non guasta.

caffè amaro ha detto...

La vera epidemia è quella delle disinformazione, quella si che è contagiosa.

Vele Ivy Di Colorare ha detto...

I media quasi sempre danno notizie fuorvianti, sia perché secondo me c'è poco studio della materia alla base, sia perché quello che importa è creare una notizia che attiri l'attenzione. Almeno per tematiche così, però, vorrei davvero che venissero scritti articoli approfonditi e non superficiali.

SAVEME ha detto...

La materia era biochimica :)
Comunque a mio parere i casi di DCA ci sono sempre stati solo che più si va avanti, ovviamente, più si è "informati" riguardo certi argomenti per cui più si documentano questi casi e sembrerebbe che il fenomeno sia in aumento.. ma al di la di mass media e modelli utopistici, e tutto quello che ti ho commentato nell'altro post, credo che anoressia/bulimia e fenomeni connessi siano un qualcosa che vada al di la della società moderna o meno.. motivo per cui sono d'accordo con te.. aumento del fenomeno? "epidemia"? non saprei..

Valentina ha detto...

Ciao ho letto la tua storia su un'intervista. Sono contenta che hai trovato la forza per combattere la malattia. Vorrei poterla trovare anch'io..se ti va a volte la racconto qui http://cryandshout.blogspot.it/

SkinnyBitch ha detto...

Beh io sinceramente credo ke i mass media c entrano ben poco... Vorrei proprio riunire tutti i psicologi e i giornalisi x fargli capire le cause.. Io sono sempre stata normopeso, popolare, brava a scuola... Ma poi è successo.. Non so neanche cosa esattamente ma è successo.. I miei mi hanno ripresa in tempo e mi hanno costretta a mangiare ma mangiavo per far felici loro, dentro urlavo!! Cosa c entrano qui i mass media??? Io avvo deciso ke nonero abbastanza, ero carina in faccia, xke non avere di piu? Non sapevo ke sarei precipitata nell ossessione.. Ma adesso lo so, xke l ho capito.. La mia non era ossessione, ho la mentalità anoressica.. Si sono una ragazza anoressica nel corpo di una ragazza sana.. Ogni volta che mangio (500 kcal in un giorno), devo vomitare o ricorrere all autolesionismo per stare meglio, mi peso di continuo, a scuola invece di seguire le lezioni penso alle calorie e a come dovrò smaltirle.. Cerco di mangiare sano a volte, ma poi ci ricado.. Mi riprendo e ci ricado... Ero arrivata a non reggermi piu in piedi.. Adesso non sono a quei livelli, ma se ci ricado di nuovo fortemente so gia che sarò depressa come prima.. Non ridevo piu.. Non aveva senso per me vivere, nom avevo un futuro... E adesso? Adesso non lo so.. Sto mangiando sano (mai piu di 800 kcal al giorno xke non sono abituata) ma basterà? Stavolta è quella buona che funzionerà e mi permetterà di essere normale? Non lo so, perche da un momento all altro si precipita nl inferno...

Marcella ha detto...

Boh, io credo che è da quando ho memoria che in tv viente detto che i disturbi alimentari sono in forte aumento bla bla...però poi c'è la solita Barbara D'urso, le solite modelle ammalatesi di anoressia e il giorno dopo il solito servizio che fa passare per taglie forti e donne molto in carne modelle che per 1.80 portano la 46. Questo è quanto ho da dire!

Veggie ha detto...

@ Vanessa – Vanessa, sono passata dal tuo blog… se hai qualcos’altro da chiedermi fai pure, non ti preoccupare, se ti posso dare una mano in qualche modo non mi fa che piacere!... Comunque, io credo che la restrizione alimentare sia in realtà una conseguenza dei veri problemi che portano ad un DCA… perché, hai detto bene, se fosse una dieta sfuggita di mano che fa un DCA, allora queste malattie ce l’avrebbero la maggior parte delle persone…

@ Wolfie – Il dono della scrittura/parola – per chi ce l’ha – è senz’altro gran cosa… ma è importante non lasciarsi infinocchiare dalle apparenze, e cercare sempre di scoprire quale possa essere una verità almeno un po’ più oggettiva ed imparziale rispetto a ciò che ci viene propinato come fosse oro colato…

@ Pulce – Magari che un DCA fosse come un’influenza, sarebbe molto più facile liberarsene… In quanto al discorso dei numeri… credo che metterceli avrebbe significato circoscrivere la problematica e far vedere quindi una minore enfasi di quella che l’articolo gli voleva dare…

@ trappolapertopi2 – E’ vero che è importante cercare di “spostare i riflettori” sui DCA… e che un po’ più d’attenzione alla problematica non guasta mai… La cosa migliore (e come tutte le cose migliori, probabilmente altrettanto utopistica) sarebbe riuscire a farlo nella maniera giusta, senza che la TV alimentasse tanti stereotipi e falsi miti…

@ caffè amaro – Altroché se lo è…

@ Vele/Ivy – Sì, hai ragione, generalmente è così… e sarebbe bello quello che dici, che venissero scritti articoli più approfonditi e con maggiori fonti dietro… il problema è che finché la stampa rimarrà commerciale, continuerà a lavorare come fa adesso…

@ SAVEME – Verissimo, è solo una prospettiva falsata, non un reale aumento… il fatto che se ne parli di più fa sì che si abbia la sensazione che i DCA siano più diffusi… ma non abbiamo dati reali su quanto fossero diffusi prima dell’avvento dei mass-media, quindi è impossibile fare un reale confronto…
P.S.= Complimenti per Biochimica!... ^__^

@ Valentina – Ciao Valentina, benvenuta!... Grazie per avermi lasciato il link del tuo blog, passerò sicuramente!... E spero che, combattendo insieme, potremo trovare ancora un po’ di forza in più!... T’abbraccio…

Veggie ha detto...

@ SkinnyBitch – Anch’io sono dell’idea che non c’entrino i mass media… che questa sia più che altro l’idea propagandata dai media stessi, e in cui crede chi non ha mai vissuto un DCA sulla propria pelle, ma chi c’è passata sa che non è così. Comunque, a parte questo… non so se in questo momento sei seguita da una psicoterapeuta e/o da una nutrizionista… però, se non è così, io ti consiglierei di rivolgerti a persone che ti possano dare una mano a farti stare meglio… se riesci a mangiare un po’ di più anche da sola sicuramente è un fattore positivo, ma l’alimentazione da sola non basta per riuscire a contrastare un DCA… soprattutto in certi momenti, quando se né è più dentro, è fondamentale l’aiuto che i professionisti possono darci… Perciò, te lo dico spassionatamente: prova a rivolgerti a qualcuno… secondo me non può farti che bene. Proprio perché temi di poter precipitare di nuovo nell’inferno, credo che la guida di una persona professionalmente competente possa darti una mano per evitare quanto più possibile le ricadute… Ti abbraccio…

@ Marcella – Appunto: esatta dimostrazione del fatto che la TV fa passare, e fa credere, i messaggi che vuole, ma che molto probabilmente sono distanti dalla vera realtà dei fatti… Anche perché, se effettivamente i DCA fossero in aumento da quando hai memoria, considerato che hai più di 20 anni, ad oggi la stragrande maggioranza delle donne dovrebbe avere un DCA. Evidentemente (e per fortuna…) non è così…

SkinnyBitch ha detto...

gia, ci stavo pensando anche io... grazie mille del consiglio <3

 
Clicky Web Analytics Licenza Creative Commons
Anoressia: after dark by Veggie is licensed under a Creative Commons Attribution-NoDerivs 3.0 Unported License.