Come gli alchimisti trasformavano il ferro in oro… voi potete trasformare l’oscurità in luce. Siete tutte benvenute.

giovedì 4 febbraio 2010

Ricovero & Autostima - Rimediare agli errori

Penso che migliorare la propria autostima sia una parte importante del processo di ricovero da un DCA. Questo perchè noi ragazze con un passato-presente di DCA tendiamo molto spesso a svalutarci, nonché a rimproverare noi stesse per gli errori che abbiamo commesso in passato. E così finiamo in balia del DCA che tenta di farci pagare, espiare tutti gli errori che abbiamo commesso.

Bene, ragazze, è giunto il momento di puntualizzare 6 cose fondamentali riguardo gli errori:

1 – Gli errori sono maestri di vita. Se si “fallisce” in qualcosa, e si continua ad auto-accusarci per l’errore commesso, senza riuscire a fare nient’altro, non stiamo imparando la lezione che l’errore cercava d’insegnarci.

2 – Gli errori possono essere segnali. Per esempio, se avete un piccolo incidente in auto, un qualcosa come il prendere una curva troppo stretta all’angolo di una casa, rompendo così uno specchietto, quest’errore dovrebbe servirvi NON per deprimervi dicendovi che non siete capaci neanche a guidare ma, viceversa, per mettervi in allerta la prossima volta che tornerete a guidare.

3 – Gli errori sono parte dell’essere spontanee… e quindi, in definitiva, vive. Se si ha troppa paura di “fallire” e di fare errori, e si cerca di controllare assolutamente tutto ciò che ci circonda affinché ciò non accada, perderemo tutta la nostra spontaneità ed innalzeremo un muro tra noi e le persone che ci stanno intorno, impedendoci sempre e comunque di essere semplicemente noi stesse, e quindi apprezzate ed amate unicamente per quello che siamo.

4 – Ogni qualsiasi essere vivente ha una certa “ratio” di errori. Sicuramente, ogni 10 decisioni che si prendono, 3 saranno completamente sbagliate, e su 2 rimarrà sempre un certo margine di dubbio. È assolutamente normale, e non fa di noi delle persone sbagliate.

5 – In un mondo ideale, gli errori commessi non avrebbero alcuna relazione con la nostra autostima. Tutti commettono errori. Fare un errore non significa affatto essere “deboli” o “patetiche” o “stupide”… significa essere semplicemente umane. Gli errori ci forniscono informazioni su ciò che va e ciò che non va. Non hanno niente a che vedere con quanto noi valiamo, con quanto siamo intelligenti, con quanto siamo forti. Sono unicamente parte di un processo.

6 – Spesso, quando facciamo qualcosa di cui successivamente ci rimproveriamo, in realtà stiamo solo cercando di fare qualcosa per soddisfare i nostri bisogni nell’unico modo che in quel momento ci sembra possibile. E quello che si fa per amore di noi stesse, è al di là di ogni giudizio di valore… figuriamoci d’errore!

Ragazze, non è facile guardarsi indietro ed amarsi per tutte le cose fatte, e non arrabbiarci per tutte le cose mai dette… Perciò, l’unica cosa che dovremmo provare a fare, semplicemente, è perdonarci. Anche perché, a errore fatto, non si può tornare indietro nel tempo e cambiare le cose, quindi tanto vale cercare il modo di vedere quest’errore in chiave positiva, riuscendo a trarne il meglio, no?!! Farsi venire i sensi di colpa non aiuta. Aiuta invece cercare di capire cosa e dove si è sbagliato, in maniera tale da non ricommettere lo stesso errore in futuro.

Sì, dobbiamo imparare a perdonarci.
Imparare dagli errori e poi lasciarli andare.
E andare avanti.

25 commenti:

Alice and my world ha detto...

Gli errori.
Un buon argomento.
S', perchè ci insegnano che non andrebbero commessi mai, ma come si farebbe altrimenti ad imparare??
Ci sono cose inoltre che se non si sbagliano e non si provano, non si capiranno mai.
Questo non è tuttavia un modo per darsi scuse e fare "di tutto e di più" ma comunque per capire che sbagliare è nomale e anche importante.
I sensi di colpa che possono scaturirne sono inutile se ci si riflete bene, l'errore è fatto, l'importante è cercare di capire l perchè, il cosa, il dove si è sbagliato e migliorarsi anzichè tormentarsi...non trovi?
Ti abbracciamo fortissimo principessa.
Grazie come al solito di introdurre sempre argomenti interessanti.

Anonimo ha detto...

Il mio enorme cazzutissimo errore è stato sempre quello di non voler riconoscere di aver commesso continuamente un’illimitata serie di fottuti errori. Infilati l’uno dopo l’altro con la precisione di chi ha la presunzione di strabattersene delle cazzate. Ma adesso che le stronze di maschere cadono, riconosco che non ho fatto altro che compiere maledetti sbagli. Ho fatto così tanti schifi di errori per giungere alla merda attuale che, paradossalmente, senza questi fottuti sbagli non saprei più a che cazzo aggrapparmi. Sono inquinata da me stessa. E adesso mi sento come se fossi alla guida di una schifosa automobile lanciata in piena corsa. Ci sono da tanti stramaledetti anni, ma solo adesso mi rendo conto che il volante, il freno, il cambio non funzionano. E sto andando contromano. Ma l’unica possibilità che ho è comunque andare avanti su questa strada sbagliata. Perché ci sono dannati errori cui non si può rimediare proprio una sega.
Perché non sono soltanto le minchiate che ho fatto.
E’ perché sono IO lo strafottuto errore.

Jonny

_Lady Sissi_ ha detto...

sisi l avevo letto..
e penso che tu abbia perfettamente ragione, lo ammetto..
però il punto è che pur ammettendolo non posso fare a meno di fare ciò che stò facendo..
anche se sinceramente non sò a che mi porterà tutto questo..

H2odio. ha detto...

Grazie mille delle tue parole..

Gli errori beh.. Chi non ne commette? Io ne faccio migliaia al giorno. Penso che se non si sbagliasse saremmo tutti delle persone stupide e senza il senso della vita.

Un bacio <3

Pagliuzza ha detto...

Grazie del commento:)cmq ne abbiamo parlato,va meglio grazie..cioè sembra andare tt bene ora.. in realtà noi abbiamo spesso litigi..poi io sn pessimista fino al midollo quindi forse ingigantisco 1po' le ks dentro me stessa.. :(
Cmq per quanto riguarda il perdonarci hai ragione.. purtroppo o perfortuna (e io sn + x la seconda) nn sono una gran maestra nel perdono..anzi.. quindi già nn perdono gli altri,figurati me stessa.. il perdono mi fa davvero stare male, è 1compromesso spesso troppo grande..
1bacione..

Musidora ha detto...

Penso che i DCA affondino le proprie basi in una carenza di autostima assoluta o quasi... E ad ogni modo poi è la malattia più che vai avanti a toglierti autostima... Quindi è davvero difficile ritrovare dentro di sè quella stima che sembra non esserci mai stata...
E questo si collega al tuo vecchio post della lista delle nostre qualità, perchè saper prendere atto dei nostri punti di forza è fodamentale anche per saperci poi perdonare... Io sono quel tipo di persone che reagisce proprio male alle sconfitte, ma lo sbaglio è considerare l'errore come una sconfitta e non come una parte di un processo come tu hai evidenziato.
Ah... Nota che forse ti farà sorridere: c'è un errore nella parola "sesso" verso la fine,credo avrebbe dovuto essere "stesso", spero potrai perdonarti per questo XD

P.s. Ma davvero leggendo il mio blog hai fatto progressi!?! WOw!!! Questa è davvero una cosa che mi lascia incredibilmente e piacevolmente sorpresa :-)

mimì ha detto...

1-Grazie sempre per i tuoi post che ci fanno ragionare e riflettere.
2- Grazie per passare sempre nel mio blog e lasciare la tua impronta.
3- Grazie non abbandonarci mai
4- Grazie per avere sempre una parolina positiva da regalarci nei momenti bui
5- Grazie per tutto quello che stai facendo!!!

Sono state le cadute, gli errori, gli sbagli che mi hanno condotto verso una nuova strada...
Sono caduta ma mi sono rialzata, mi sono rialzata e sono nuovamente caduta...
Ma questa volta voglio impegnarmi ancora di più.. Il tragitto è lungo e sempre tortuoso, ma credo di meritarmi un pizzico di FELICITà... E quindi ne sarò sempre alla ricerca, perchè non voglio più perdermi.. Ma voglio ritrovarmi... E sono finalmente sulla strada giusta.... Spero!!!
Tvb

mimì!!

Ilaria ha detto...

"Errare humanum est sed perseverare autem diabolicum."

E' questo il problema: non è Un errore... non è UNA catena di errori...

è L'errore.
Sempre quello.
E più tempo passa, più si solidifica.
E io e L'errore diventiamo la stessa cosa.

♥ baci

evaluna ha detto...

A causa degli errori commessi in passato, ho rischiato di rovinarmi per sempre.
Non me li sono perdonata per molto tempo.
Ci ripensavo in continuazione condannandomi...
Poi ho provato a dimenticare lasciandomi tutto alle spalle.
Ma dopo un po' mi sono resa conto che non era possibile...negare il passato, nasconderlo, volerlo cancellare da ogni preoccupazione quotidiana puo' dare un sollievo temporaneo, ma col passare del tempo ritorneranno sempre situazioni spiacevoli in cui i ricordi che si e' cercato di sotterrare riaffioreranno a galla...
Ora ho capito che il modo migliore per fare pace con me stessa e' accettare il passato e gli errori commessi...senza tentare di accantonarli nella speranza che non ricompaiano mai piu'.
E' piu' costruttivo vedere il passato come un periodo spiacevole della mia vita, che per quanto difficile e dolorosa possa essere stata mi ha comunque dato la forza di cambiare e di essere migliore.
Sono caduta, ho sofferto, mi sono rialzata, riscoprendo la vita e le piccole gioie del presente...e quando si giunge a questa consapevolezza, al riapparire dei ricordi degli errori commessi non vi e' piu' rimorso e disperazione, ma solo una voce dentro che dice: io ce l'ho fatta, sono cambiata, e adesso mi rendo conto di essere migliore...piu' forte.

Grazie della cosa bellissima che mi hai scritto nell'ultimo commento...
Anche Lety ti ringrazia, insieme a tutti gli altri, per gli auguri, su:
http://piccolinatriste.blogspot.com

Un abbraccio stretto!!!

fiordimagnolia ha detto...

Errori..
più cerco di non commetterne e più nè commetto.. Qualche giorno fa mi è stato detto: "ma tu non sbagli mai? tu hai sempre ragione? possibile che quello che pensi sia sempre giusto?"
Beh.. io posso dire che sbaglio, sbaglio di continuo, anche se non tollero l'errore. Non lo tollero perchè così confermo la tesi con la quale sono cresciuta, ovvero "non-capisci-niente, non-sei-buona-a-nulla, sei-un'imbecille" Se sbaglio finisco automaticamente per deludere gli altri ed è una cosa che non sopporto questa. E' il senso di colpa che regna sovrano..
Hai ragione.. il difficile, la parte più dura, è ammettere-concederci lo sbaglio.
Un abbraccione..

Aisling ha detto...

Il fatto di non ammettere errori è sempre stata una mia caratteristica, anche da piccola non ammettevo sbagli, ogni cosa doveva andare come l'avevo programmata sennò giù a insultarmi.. In queste settimane sono regredita un bel pò,ne ho commessi tanti di errori, molti dei quali sapevo già dove mi avrebbero portato, ad esempio ho ristetto alla grande per una settimana, dopodichè ho di nuovo ceduto, mi sono punita per bene e ora sono qui a chiedermi come faccia a resistere una settimana mangiando poco e a diventare invece matta per cercare di seguire 2 giorni di alimentazione normale...Non ha molto senso...
Comunque una cosa buona l'ho fatta e per una volta sono stata contenta, ho parlato discretamente bene in un posto sconosciuto e con l'ansia a mille!^^ Ho trovato il coraggio, sono andata in quel centro! Poi farò un post ma nel frattempo ti racconto, ero molto molto agitata, comunque sono entrata, mi ha accolto una signora che mi ha solo chiesto età,nome e scuola, non voleva altro, mi ha fatto poi sedere qualche minuto e poi mi ha presentato un signore alto e barbuto, ricordava un pò il gigante buono :) (che poi ho scoperto essere uno psicoterapeuta^^), mi ha fatto sedere in una stanza grande e mi ha chiesto cosa poteva fare per aiutarmi..Sono riuscita a parlare un pò di più rispetto all'altra psicologa da cui ero andata, non l'ho guardato molto in faccia però sono riuscita a tirare fuori qualcosa, soprattutto sul problema a parlare, lui poi mi ha detto di tornare la settimana prossima allo stesso orario e che avrebbero cercato di aiutarmi, erano lì apposta.... sono uscita di lì molto sollevata, è faticoso dover sempre nascondere tutto, è bello non doverlo fare per una volta!
Ti sono sempre vicina, Veggie, e ti penso tanto!^^

CONTRA ha detto...

vorrei che del dibattito contra-michiamomari
parlassi anche con me
e non solo per email con lei

grazie:)

Musidora ha detto...

Azz! Ho fatto un errore stupidissimo -.-' (anzi senz'altro più di uno di battitura) nel commento che mi avevi lasciato avevo letto che leggendo il mio blog avevi fatto progressi o.o' Invece era riferito a me che avevo fatto progressi! Ma siccome io non mi sento di aver fatto progressi (almeno dal punto di vista alimentare) non avevo capito XD

Wolfie ha detto...

Perdonarci gli errori è una delle cose più difficili che ci siano, perchè questi fanno scattare un grande senso di colpa a cui è difficile riuscire a far fronte. Io cerco di imparare a perdonarmi, però non è facile se ripenso al male che mi sono fatta e a come, di riflesso, ho fatto soffrire tutte le persone a cui voglio più bene.
Però mi sono accorta che un buon modo per tener testa agli errori è cercare di non ripeterli: questo non cancella gli errori che ho fatto, però se da ora in poi cercherò di stare più attenta posso farmi perdonare e perdonarmi.


A Ilaria e A Jonny
Ragazze, scusatemi se mi permetto di farvelo notare, ma secondo me il vostro unico errore è quello di pensare di essere voi stesse l'errore. Perciò cercate di cambiare punto di vista, e guardate a voi stesse non più come all'errore, ma come alle persone che da ora in poi possono risolvere l'errore!

Ilaria ha detto...

a Wolfie:

Il fatto è che ormai è diventato un modo di vivere...
famiglia
amici
ti fanno notare che HAI - ROVINATO - TUTTO.

E quella frase ti rimbomba nella testa di continuo.

Allora decidi di diventare l'errore, così, almeno su questo, farai contenti tutti.

Wolfie ha detto...

A Ilaria

Ciao Ilaria, grazie per avermi risposto, temevo di essere stata troppo indiscreta! Spero comunque che quello che ho scritto non ti abbia infastidita!
Comunque, secondo me non dovresti dargliela vinta: se diventi tu l'errore, la dai vinta a loro, dimostri implicitamente che loro hanno ragione, ma invece non ce l'hanno! Secondo me sono loro che hanno rovinato tutto (anche perchè in un DCA non si entra così tanto per fare qualcosa di diverso, ma in risposta a uno stimolo inconscio ricevuto dagli altri), solo che, come tutta la gente, gli fa male ammettere che hanno sbagliato, non gli riesce, e allora per non avere sensi di colpa scaricano ogni cosa su di te. Se ti aspetti che tutta la gente sia contenta di ciò che fai, dovresti fare mille cose diverse ed ancora non andrebbe bene perchè ciò che piace a uno verrà comunque criticato da qualcun altro. Quindi, non pensare a ciò che farebbe contenti gli altri, che tanto sono incontentabili per natura umana, ma pensa a ciò che farebbe contenta te stessa, e cerca di esserlo.
Spero di non essere stata indiscreta, sappi che ti parlo da cuore a cuore come potrei farlo con una sorella!

Ilaria ha detto...

a Wolfie:
indiscreta? ma figurati!! :-) anzi ti ringrazio per aver preso a cuore la questione!
...è tutto quanto abbastanza incasinato...
ti assicuro che la colpa di tante tante cose è mia, però effettivamente il contesto ha contribuito...
grazie comunque, ci penserò ♥♥

memy ha detto...

oOoOoOoOoOoOoo......
ma tu sai il russoOoOoOoOoOoO?????
ottimo mi daresti una mano siccome sto facendo da autodidatta non saprei come incominciare e dove trovare degli esercizi magari tu ne hai qualcuno da inviarmi??

mynameis... ha detto...

Mamma mia,come sei saggia!

Eh,io invece sono una recidiva,la campionessa delle recidive,devo sbattere la testa contro il muro almeno 2 volte per capirla.Ma almeno me ne rendo conto!

SRIJPB ha detto...

...sai...hai davvero ragione...il punto è che quando inizi a fare un errore dopo l'altro non capisco più nulla...cioè è difficile riuscire a non rimproverarsi certi errori che hanno cambiato per sempre la tua vita ma anche quella di qualcuno che ami....xk fin quando gli errori riguardano me e sono io che ne pago le conseguenze sulla mia pelle mi va bene...ma quando poi a farne le spese è chi amo...beh allora risulta davvero difficile non rimproverarsi...perchè se hai condizionato la vita di qualcun altro con il tuo errore allora è diversa la questione...certo magari ti guarderai bene dl rifarlo ancora...però il fatto di aver rovinato la vita a qualcuno che ami non si riesce a scordare...ed è impossibile non rimproverarsi per questo...anche se non è una cosa costruttiva...

Astrid distratta ha detto...

Veggie so che non sei Cristiana ma c'è una frase che lo è molto che ha COLPITO DRITTO IL MIO CUORE:
"...Sì, dobbiamo imparare a perdonarci.
Imparare dagli errori e poi lasciarli andare.
E andare avanti."
Vorrei dire una cosa a tutte le ragazze anoressiche o bulimiche:
Anche chi non ha quel problema vive i vostri stati d'animo, spesso nei blog leggo "mi sento diversa, sbaglio, sono sbagliata..." NON è così, cambia solo il MODO di estenare le cose.
Tutte abbiamo qualcosa da perdonarci, facciamolo.
E finitela di parlare di un "voi" e degli "altri", siamo TUTTE uguali!
bacio

Enigma ha detto...

uhm...
sono di poche parole.

niente... ti mando un grande abbraccio!

Prima o poi troverò anche il coraggio di chiamarti;)

Annarita ha detto...

Ottimi consigli e ottime riflessioni, Veggie.

Gli errori sono inevitabili. Non bisogna torturarsi per averli commessi, ma acquistare consapevolezza da essi circa la strada su cui incamminarsi e che porta alla speranza di una vita sostenibile.

Un abbraccio grande e buona domenica.
annarita

Veggie ha detto...

@ Alice and my world – Son d’accordo, gli errori sono maestri di vita, non è solo una frase fatta… Ci fanno vedere dove e come sbagliamo, e riflettere su cosa si può fare per non ripeterli… Hai ragione, gli errori che facciamo li dobbiamo usare per migliorarci, non per accusarci… anche perché, sono un qualcosa di normale… non potemmo mai crescere se non commettessimo errori…

@ Jonny – Tu non sei più sbagliata di quanto io non sia la regina di Francia… Tu non sei più sbagliata di quanto lo sia io o una qualsiasi altra di noi… Tutte siamo un po’ sbagliate, tutte abbiamo fatto degli errori… Ma, e attenta bene perché questo è un punto importante – noi NON SIAMO quegli errori. E, perciò, noi possiamo distaccarci da quegli errori… Non cancellarli… ma perdonarli… e provare a cambiare pathway per costruire qualcosa di diverso da ora in poi…

@ Sissi – Invece lo sai benissimo… e sai anche che non vuoi… E allora, Sissi, ribellati. Ribellati interamente a questo delirio che d’interno non lascia più niente…

@ H2odio – Grazie a te per essere passata di qua… Anch’io faccio tanti errori… però non mi arrendo e cerco d’imparare da essi… In fin dei conti, è questo il senso degli errori e il motivo della loro esistenza, no?!... Un bacio anche a te!...

@ Pagliuzza – Il fatto è che la vita è tutta un compromesso… Solo se fossimo le uniche abitanti del mondo non dovremmo mai scendere a compromessi… Ma sul compromesso ci si può lavorare e cercare di farlo girare in una maniera che ci è comunque congeniale…

@ Musidora – Hai detto tutto da sola… Indubbiamente DCA e bassa autostima son 2 cose che vanno a braccetto… e bisognerebbe cercare di capire i motivi della carenza di autostima, questo forse potrebbe aiutare anche nella lotta per il DCA…
Ah, grazie per avermi fatto notare l’errore… Scrivo sempre troppo di fretta e non rileggo, ahimè… ^^” Comunque… corretto! :-P
P.S.= Assolutamente sì, sennò non te l’avrei scritto!... Pensa anche solo ai primi commenti che hai lasciato su questo blog… direi che la differenza è sostanziale!...

@ Mimì – 6-Grazie a te per i tuoi commenti, per quello che scrivi, per leggermi, per passare di qui… per tutto quanto…
In questa strada difficile si cade milioni di volte… l’importante è riuscire a trovare la forza ed il coraggio per rialzarsi ogni volta… perché se rimaniamo a terra non possiamo che farci calpestare dall’anoressia… e non è questo ciò che vogliamo!... Sì, hai scritto giusto, saremo sempre alla ricerca di noi stesse, e prima o poi ritroveremo tutti i nostri pezzi… perché, come dice anche la canzone: “…to be lost before found, doesn’t mean losing forever…”

@ Ilaria – Una catena, però, anche una catena si può spezzare… basta un anello più debole, e tutta la catena si spezza… e sai qual è l’anello più debole? La tua forza di volontà… che è quella che spezza la catena di sofferenza che ti sei stretta intorno alle caviglie e t’impedisce di andare avanti… L’errore si solidifica solo se tu continui a vederlo come tale… perciò, anziché concentrarti su quel che puoi aver sbagliato, prova a focalizzarti su cosa poter fare per non ricommettere in futuro lo stesso errore…

@ Evaluna – Anch’io, per certi aspetti, ho fatto il tuo stesso iter… Prima mi sono sentita in colpa e punti per i miei errori… poi ho provato a metterci una pietra sopra, ma l’ho trovato impossibile… perché gli errori commessi non possono essere cancellati, ma solo perdonati… ci sto provando. On è facile, non sempre ci riesco… ma ci sto provando. Quello che è stato non potremo cancellarlo ma dimenticarlo… però è quel che ci ha portato ad essere le persone che siamo adesso… quindi, non tutto il male viene per nuocere, no?!... Sì, tesoro, tu ce l’hai fatta davvero… Perché hai aperto gli occhi… ed adesso puoi vedere e scegliere di camminare sulla strada della luce…
P.S.= ma scherzi?!... Grazie a te per i commenti stupendi che lasci sempre qui!...

Veggie ha detto...

@ fiordimagnolia – Quella tesi secondo me è una sorta di mantra che t’inculca la gente che ha paura… che si sente inferiore… e allora deve farti in qualche modo sentire peggiore per erigersi un gradino sopra di te… Non gli credere. Non gli credere mai. Non gli credere più. E se sbagli, non pensare che deludi gli altri, perché se ci pensi, in realtà la prima che deludi sei te stessa… pensa a non deludere te stessa… è questo che conta davvero…

@ Aisling – Non sai quanto piacere mi ha fatto leggere il tuo resoconto della tua visita al centro… Sei stata veramente bravissima, chapeaux!, io al tuo posto quando avevo la tua età non credo che ci sarei mai riuscita… Sei davvero speciale, ragazza mia!... E con questa grinta che dimostri, pensi davvero di non essere in grado di fronteggiare il ^DCA?!... Tu sei davvero MOLTO più forte del DCA… E’ bello leggere che sei riuscita un po’ più ad aprirti… vedrai che se trovi la persona “giusta” per te, tutte le cose verranno molto naturali un poco alla volta… Tu intanto prendi quello che di positivo puoi raccogliere da questa esperienza… un passo avanti, seppure piccolo, è sempre un passo avanti, no?!... Perciò, compilo senza temere… E, in quanto al discorso degli errori… Penso che ammettere gli errori sia estremamente difficile nel momento in cui si fa l’equazione errore=fallimento… Il punto è, Aisling, che quest’equazione è un falso… Non è vero che un errore è un fallimento… tutt’al più, una disattenzione… Ma comunque, un qualcosa che ci permette di vedere i nostri sbagli e i nostri limiti… e, in definitiva, ciò su cui c’è da lavorare… perchè ci si può sempre migliorare…

@ CONTRA – Avoglia… mi scrivi sul mio indirizzo e-mail o mi lasci il tuo?!...

@ Wolfie – Gli errori fatti non possono essere cancellati, ma ci si può venire a patti… Possono essere elaborati… e da questo trarre insegnamenti per il futuro… che è quello che dovremmo sempre cercare di fare…

@ Memy – Ma certo che ti do una mano… Lasciami la tua e-mail, così vedo che posso mandarti qualche info utile…

@ mynameis… - Bè, credo che il rendersene conto sia una cosa importantissima… Perché nel momento in cui si razionalizza si può poi analizzare ed andare avanti… A forza anche si sbattere, le cose le si imparano…

@ SRIJPB – Però, pensaci… e quando ti sei rimproverata? A che pro? Che è cambiato?... Ormai l’errore l’hai fatto… non lo puoi cambiare perché il passato non si cambia… Quindi, se ti rimproveri e te ne fai una colpa, oltre a non poter comunque cambiare niente, ci stai pure peggio… Invece, cercare di non ripeterlo in futuro è una cosa costruttiva… Non dimenticare, ma elaborare…

@ Astrid – Non credo ci sia bisogno di essere di una qualche particolare religione per cercare di avere un dialogo con noi stesse e rapportarci a quello che abbiamo fatto, no?!... ^__^ Sì, è normale che tutte abbiamo problemi è difficoltà soggettive che ogni giorno ci troviamo a dover affrontare… L’importante è cercare di continuare a farlo con positività senza tirar fuori vittimismi che non aiutano, se non a smarrire il senso del viaggio… Un bacio anche a te!

@ Enigma – Chiamami quando vuoi… Io sono sempre qui per te…

@ Annarita – Penso sia impossibile non commettere errori… quindi, anziché angosciarci, tanto vale cercare di coglierne gli aspetti positivi…

 
Clicky Web Analytics Licenza Creative Commons
Anoressia: after dark by Veggie is licensed under a Creative Commons Attribution-NoDerivs 3.0 Unported License.