Come gli alchimisti trasformavano il ferro in oro… voi potete trasformare l’oscurità in luce. Siete tutte benvenute.

venerdì 21 dicembre 2012

15 idee per superare il Natale

Dato che, a dispetto delle profezie Maya, il mondo non è finito, ecco che si avvicina anche per quest'anno il Natale, una giornata non troppo facile da attraversare per chi ha un DCA. Poiché il Natale rappresenta indubbiamente un momento ansiogeno, come si può cercare di venire a patti con lo stress e con l’ansia che si prova nel dover vivere una situazione simile? Come tutti gli anni, voglio provare a darvi qualche piccolo suggerimento al riguardo, nella speranza che possa esservi anche solo un po’ utile…

1. Programmate. Se avete in programma di andare a trovare vostri amici o vostri parenti, pianificate in anticipo quella che potrebbe essere la situazione in cui andrete a trovarvi, in maniera tale da cercare di evitare stress e ansia extra. Se dovete pranzare con i vostri famigliari, potete pure far presente loro in anticipo che vi darebbe fastidio ricevere commenti sul vostro DCA o sulla vostra alimentazione durante il pranzo di Natale, e che dunque sono pregati di non farne.

2. Mangiate regolarmente. A prescindere da quello che possono fare le persone che vi stanno intorno, cercate comunque di mangiare semplicemente seguendo il vostro “equilibrio alimentare”.

3. Fate una lista. Scrivete ciò che vi va/non vi va di fare durante la giornata di Natale. Mettere le cose per iscritto aiuta a chiarire le idee, e ad evitare così di fare cose che si potrebbero rivelare controproducenti perché rinforzanti il DCA stesso.

4. Parlate con il vostro psicoterapeuta. Discutete con lo psicologo/psichiatra che vi segue di quali sono le vostre difficoltà in merito alla giornata natalizia. Lui sarà certamente la persona più adatta per suggerirvi strategie di coping per far fronte alle vostre preoccupazioni e alle vostre ansie.

5. Trovate un supporto. State vicino ad una persona che sa del vostro DCA, di cui vi fidate e con cui potete liberamente parlare di quello che vi mette in difficoltà, al fine di evitare che il DCA riempia per intero la vostra testa con i suoi pensieri distorti, mettendovi ancora più in agitazione.

6. Preparatevi le risposte. Se sapete che avrete a che fare con qualcuno che farà commenti sgradevoli su cosa/quanto mangiate, o sul vostro aspetto fisico, preparatevi in anticipo un repertorio di risposte con cui ribattere a detti commenti.

7. Offritevi di cucinare qualcosa. Se vi dà fastidio l’idea che il pasto sia cucinato da qualcuno che non è a conoscenza del vostro DCA, cucinate voi qualcosa e portatelo da casa, così sarete più tranquille rispetto a ciò che dovrete mangiare.

8. Siate flessibili. È tremendamente difficile, lo so. Ma, per quanto possa essere complicato, occorre considerare che le cose non sono necessariamente bianche o nere, ma che esistono infinite sfumature in mezzo. Se anche durante il pranzo di Natale mangiate più di quanto vi eravate prefissate, non è certo il pranzo abbondante di un giorno che modificherà significativamente il vostro peso. E lo stesso vale se mangiate meno (ma questa non è una buona scusa per farlo!).

9. Fate qualcosa di divertente. Organizzate qualche gioco, qualche attività che possa coinvolgere tutti quanti in maniera divertente: anche solo il fare questo aiuta a distrarsi dai pensieri che l’anoressia mette in testa.

10. Confidate in qualcuno. Spiegate a qualcuno di cui vi fidate e che sarà insieme a voi durante il pranzo di Natale quali sono i vostri problemi, e permettetegli di darvi consigli su ciò che è appropriato o meno mangiare, dato che l’anoressia falsa queste percezioni.

11. Fate solo quello che vi sentite. Declinate con educazione gli inviti, se vi rendete conto che certe situazioni potrebbero fomentare comportamenti in linea con l’anoressia. Questo non significa trovarsi una scusa per evitare ogni interazione sociale con gli altri, ma semplicemente essere consapevoli se si è forti abbastanza per tollerare una certa situazione ansiogena, o se questa porterà ad una ricaduta.

12. Lasciate perdere i cibi ansiogeni. Anche se per Natale è tradizione mangiare il pandoro o il panettone, evitate di farlo se questo vi fa stare male, e continuate a mangiare in maniera regolare seguendo il vostro “equilibrio alimentare”.

13. Parlate con il vostro dietista. Chiedetegli se è possibile adattare il vostro “equilibrio alimentare” appositamente per la giornata di Natale, così da non dover mangiare in maniera differente da tutti gli altri commensali, ma inquadrando l’alimentazione di quel giorno con l’aiuto del dietista potrete comunque trovarlo meno ansiogeno.

14. Non vi focalizzate sugli errori. Situazioni particolarmente ansiogene fomentano le ricadute. E il Natale indubbiamente lo è. Perciò, non consideratevi un fallimento se non doveste riuscire a seguire il vostro “equilibrio alimentare”: è un momento difficile, nessuno vi richiede la perfezione… non chiedetevela da sole.

15. Fissate degli obiettivi. In primo luogo, in termini di positività: non concentratevi sulle ricadute, bensì su quello che siete riuscite a fare correttamente, sui progressi. In secondo luogo, in termini di progetti: anziché focalizzarvi sul cibo o sul corpo, pensate a quello che vi piacerebbe fare… e datevi la possibilità di farlo.

P.S.= Sul blog di Marta (www.spazioaiuto.it) potete trovare un post che tratta parimenti della tematica di Natale e DCA… passate a darci un’occhiata, se vi va!! ^__^

P.P.S.= Vi abbraccio strette, una ad una, e dato che credo di non aver modo di tornare su blogger prima di Natale, gli auguri ve li faccio adesso…

18 commenti:

Victoria ha detto...

ottimi consigli!! buon natale anche a te :*

AlmaCattleya ha detto...

Spero che leggendo queste indicazioni, chi soffre di anoressia possa trascorrere il Natale con gioia.
Se me lo permetti, vorrei dare un consiglio:

Focalizzate un'immagine. Focalizzate qualsiasi cosa che vi dia gioia, anche un ricordo di quando eravate bambini, magari un momento gioioso di un Natale passato.
Le immagini hanno un potere curativo incredibile.

Ilaria ha detto...

Con affetto, stima e ammirazione: BUONE FESTE!
un abbraccio

Anonimo ha detto...

Grazie mille per i consigli <3 Buon Natale a tutte!

Anonimo ha detto...

Sembri triste in quella foto :( ti seguo sempre...


G

Bianca ha detto...

Ciao Veggie, grazie per il post, può essere molto utile a tante/i... anch'io sto lavorando sull'annosa questione del Natale, e spero di superarlo bene. La cosa che mi dà più fastidio in realtà sono le solite frasi trite e ritrite sulla mia magrezza - come se la gente non sapesse quel che ho passato!
ma bando alle ciance: auguro anche a te un sereno Natale, con il cuore.

Alice ha detto...

Grazie!!
Ti abbraccio

Wolfie ha detto...

Grazie per questi consigli, Veggie!!!!!!!!!!!!!!! In un momento difficile come il natale, sono sempre preziosi!!!!!!!!!!!!!
Io poi ho una famiglia numerosa, quindi non posso scappare al tradizionale pranzo di natale (anche se spesso lo vorrei tanto), e penso che questi tuoi consigli non potranno che risultarmi utili per poter gestire un po' meglio la situazione, soprattutto con quei parenti che sono più indelicati e non fanno altro che commentare a destra e a sinistra, ed io purtroppo sono particolarmente sensibile e vulnerabile a certe cose che mi vengono dette. Dovrei cercare di essere più forte...
In ogni caso, cercherò di esserlo anche grazie ai consigli suggeriti in questo post!!!!!!!!!!!
Buon natale anche a te, Veggie, e buon natale a tutte le ragazze che commentano o anche solo leggono questo blog: spero con tutto il cuore che questo natale, anche se per certi aspetti sarà inevitabilmente una giornata un po' difficile, possa comunque portare a tutte almeno un po' di gioia e serenità!!!!!!!!!!

Marcella ha detto...

Buon natale anche a te :-)

Pulce ha detto...

Ciao...grazie! Questi sono ottimi consigli . Per il giorno di Natale sono abbastanza tranquilla perché posso seguire il mio schema alimentare normalissimo, mentre per il cenone della vigilia ho concordato con la mia dietista uno schema giornaliero per poter inserire determinati alimenti che vorrei consumare. Sarà difficile, è un po' una sfida, quindi se non mi sentirò pronta, seguirò il mio schema normale, in modo da non alimentare comportamenti compensatori, visto che è da un po' che sto riuscendo a seguire il mio equilibrio alimentare a pennello perché sono tranquilla...
Un abbraccio a tutte voi ragazze, e ricordatevi di non mollare, passo dopo passo riusciremo a stare meglio, dobbiamo lottare per raggiungere questo obiettivo.
Buon Natale ♥

Annarita ha detto...

Come al solito degli ottimi consigli, Veggie.

Non vado per blog da un pezzetto perché non trovo il tempo per farlo, ma non potevo non fare gli auguri a te e alle ragazze, affezionate lettrici del tuo blog.

Buon Natale a tutte voi e che il 2013 possa segnare un nuovo inizio, una speranza in un futuro migliore per tutti.

Annarita

minerva ha detto...

Buon Natale, buon Natale davvero!
Ogni volta che apro questo blog, pur non vivendo nessun tipo di problema alimentare, ti ammiro sempre più... ammiro lo sforzo che fai per tenerlo vivo e per cercare di aiutare chi c'è ancora dentro, e questo è bellissimo!

Vele Ivy ha detto...

Anch'io ti abbraccio e ti faccio tanti auguri di cuore! Buon Natale, cara Veggie ^__^

Anonimo ha detto...

Sono passata di qui oggi perchè ero sicura che avrei trovato un post del genere, come sempre ottimi spunti cara Veggie, sei così saggia che inizio a credere tu sia davvero Babbo Natale :)
Voglio raccontarti una cosa di me, una cosa a cui ho pensato stanotte prima di addormentarmi. Quando avevo tre anni ero attaccatissima ai miei 3 ciucci, erano la mia prima forma di "coping", in un certo senso. La vigilia di Natale i miei genitori, che volevano farmi perdere la brutta abitudine, mi hanno raccontato che se io avessi lasciato i ciucci sotto l'albero, la mattina dopo avrei trovato in cambio un bel regalo. E così è stato. E' raro avere ricordi di quando sì è così piccoli, ma la gioia di quella mattina di Natale è un'immagine indelebile.
Ci ripensavo perchè quest'anno vorrei davvero ritrovare l'innocenza e fare un nuovo scambio con Babbo Natale: oggi lascio sotto l'albero le mie ossessioni, e domani mattina trovo un po' di fiducia in me stessa, una dose di forza per combattere per un nuovo anno la mia battaglia, senza la presunzione di poterla mai vincere.
Ti abbraccio e ti auguro di trascorrere le feste con gioia e circondata dall'amore dei tuoi cari.
Elisa

Elle; ha detto...

Molte di queste cose le ho seguite, grazie mille :*
Di solito i parenti non commentano il mio "non mangiare" con me, ma vanno a dirlo a mia madre, che mi scusa sempre dicendo che ho fatto colazione tardi, che sto poco bene e cavolate così. Da una parte è utile. Dall'altra sarebbe bello che lei si rendesse conto che qualcosa sotto c'è...

Anonimo ha detto...

Voglio fare con tutto il cuore un augurio a te Veggie e a tutte le ragazze che transitano su questo blog,che stanno combattendo o che ancora non hanno iniziato ma spero lo facciano presto. Faccio il tifo per voi e spero possiate camminare nella vita che avete davanti contornate da tanto amore.
Sinceramente, una mamma.

Kiara ha detto...

Ciao Veggie, tanti tanto auguri anche a te per questi ultimi giorni del 2012: che ti conducano serena verso il nuovo sole.
Un abbraccio!

Veggie ha detto...

@ Victoria – Grazie!... Spero che tu abbia trascorso un Natale sereno…

@ AlmaCattleya – Altroché se te lo “permetto”!... Ma, altro che permettere, consigli del genere sono sempre benaccetti!!... Soprattutto se sono azzeccati come quello che hai scritto!... Buon Natale anche a te, bellissima…

@ Ilaria – Contraccambio, dalla prima all’ultima parola che hai scritto…!

@ Anonima – Grazie a te per essere passata, spero che i consigli possano in qualche modo servirti… Un abbraccio!...

@ G. – Posso assicurarti che non lo ero affatto… Grazie per il seguirmi, mi fa davvero tanto piacere!...

@ Bianca – Sì, la gente sa essere davvero fastidiosa quando ci si mette… Ma tu rispondi loro per le rime, che sarebbe anche ora si facessero un po’ di fattacci propri… E spero che la cattiveria di questa gente non ti abbia comunque impedito di passare un Natale sereno in compagnia delle persone cui vuoi più bene…

@ Alice – Grazie a te, cucciola… Ti abbraccio ancora più forte…

@ Wolfie – Grazie a te per le tue parole, Wolfie… E, ehi, guarda che è normale che, per quello che hai passato, certe cose ti colpiscano particolarmente, ben più di altre persone… ma non c’è niente di male in questo, è anche perché tu sei una persona molto sensibile, ma questo è un pregio, non un difetto!... Però, anziché starci male, ignorali quei commenti: vengono da persone indelicate che non meritano che tu stia a pensare alle cavolate che tirano fuori per dare aria alla bocca neanche per un secondo…

@ Marcella – Grazie, altrettanto!...

@ Pulce – Hai fatto la scelta più giusta, anche io concordo sempre con la mia dietista degli “equilibri alimentari” alternativi per i giorni e le occasioni che derogano dalla norma… In ogni caso, datti la possibilità di provare a seguire il nuovo schema solo per la sera del cenone: non sarà certo la cena di una sera che comprometterà tutto l’ottimo lavoro che hai fatto sinora, e so che questo tu lo sai perfettamente… Perciò, dato che hai comunque uno schema da seguire, prova ad adottarlo solo per quella sera… e vedrai che forse non è poi così terribile come ti viene da pensare che lo sia prima di metterlo in atto… Buon Natale anche a te, spero che tu abbia trascorso una giornata serena…

@ Annarita – Grazie tesoro, auguro esattamente le stesse cose anche a te…

@ minerva – Buon Natale anche a te, cara!... Grazie mille per le tue parole…

@ Vele/Ivy – Grazie per essere passata, buone feste anche a te!...

@ Elisa – Eh no, Elisa, spero proprio di non essere Babbo Natale… sennò poi chi me li porta i regali??!... ^__^” Ma ti auguro di tutto cuore che questo Babbo Natale, chiunque sia, ti abbia lasciato sotto l’albero quello che desideri… o meglio, ti abbia aiutato a trovare dentro di te quello che desideri. Perché quella fiducia in te stessa e quella forza sono già parte di te… devi solo imparare a valorizzarle. E allora sarai in grado di combattere – e di risultare una vincente anche semplicemente in quanto combattente – non solo per il prossimo anno, ma per tutta la vita. Ti abbraccio stretta…

@ Elle – Grazie a te per il tuo feedback!... E se tua mamma non si accorge da sola che qualcosa non va (ma sei proprio sicura che non se ne accorga? Non è che magari lo fa solo proprio per “difenderti” dai commenti dei parenti?!...), parlagliene tu… Così magari potete provare a trovare un modo migliore per gestire la cosa insieme… e lei potrebbe darti una mano…

@ Una mamma – Grazie, è lo stesso augurio che faccio anch’io a tutte le lettrici del mio blog…!

@ Kiara – Ciao bellissima, contraccambio di cuore l’augurio!...

 
Clicky Web Analytics Licenza Creative Commons
Anoressia: after dark by Veggie is licensed under a Creative Commons Attribution-NoDerivs 3.0 Unported License.