Come gli alchimisti trasformavano il ferro in oro… voi potete trasformare l’oscurità in luce. Siete tutte benvenute.

martedì 24 novembre 2009

A voi la parola / 13

Il testimone di Novembre con “A voi la parola” passa ad Enigma (che potete trovare anche nel suo blog, all'URL http://tuttoeniente-enigma.blogspot.com). Una che è entrata nella spirale dei DCA, che ha creduto nelle illusioni e nelle bugie dell’anoressia, che ha vissuto la sua effimera felicità… una che ha iniziato a soffrire, che ha iniziato a sentirsi vuota… una che, adesso, ha iniziato a combattere. E che non ha nessuna intenzione di mollare! La sua storia, le sue difficoltà, ma anche il suo coraggio e la sua speranza condensate in parole.
Queste qua.

Arrivo all'ospedale giusto due minutini prima... la puntualità non è mai stata il mio forte^^' e trovare parcheggio subito è praticamente impossibile.
Eccomi davanti allo studio ma...c'è un foglio appeso alla porta. Merda, il reparto di dietologia e compagnia bella si è trasferito in un altro blocco. OOOOOk! Alla ricerca dello studio perduto... solo io posso perdermi in un ospedale ;)
Dopo qualche minuto eccomi qui nella sala d'aspetto, vicino a me c'è una signora magrolina... ad un certo punto mi accorgo che mi sta fissando (..?..)... Chissà cosa sta pensando...
Davanti a me un'altra ragazza... inizio ad "analizzare" anche lei... cerco il suo sguardo, ma è perso nel nulla, sembra così triste...
Siamo tutte lì, vorrei dire qualcosa alla signora vicina e abbracciare la ragazza davanti a me che sembra così sola... ma ovviamente non faccio nulla... aspetto...
Finalmente è arrivato il mio turno.
Entro con una specie di sorriso da ebete... della serie: guarda guarda, non vedi che sono ingrassata? Ma a quanto pare non è così evidente come credo... non dice nulla!
Anzi, inizia a farmi la "predica" O.o (ormai è diventato routine)
"Ho sentito C. la dietologa, mi ha detto che ha aspettato la tua telefonata, ma tu non hai mai telefonato"
...
...
Silenzio
...
...
"Noi ti prendiamo per mano, possiamo farti vedere tutte le meraviglie del mondo... ma se non le afferri come possiamo aiutarti?"
...
...
Ok, adesso mi sento una cretina.
Continuo a sorridere, stavolta per l'imbarazzo.
FABER EST SUAE QUISQUAE FORTUNAE
L'uomo è artefice del proprio destino!Sei Tu che decidi il tuo destino...
Sei TU che devi decidere, Tu puoi scegliere la vita o la morte!
TU sei la componente più importante dell'equipe."
...
...
Eccola lì... la bilancia!!!
Inizia ad assalirmi una pseudo-agitazione.
Salgo e... 1 kilo e qualche grammo in più dall'ultima visita. Bè, pensavo mooooolto peggio! Tutto sommato mi è ancora andata abbastanza bene!
”Adesso ti presento un dottore, lui ha alle spalle una bella esperienza in DCA"
O.o Oddio! E questo che vuole da me??
Inizia a farmi un po' di domande:" Ma lei come si vede adesso? Si rende conto della sua magrezza?"
"MMMMMH... ma a me è tornato il ciclo, il peso non va ancora bene?"
"Bè, questa è un ottima cosa, ma bisogna stabilizzare il peso, c'è ancora un lieve sottopeso. E la psicoterapia?
Come procede?"
"Uhm...ehm...ahm... Non procede -.-"
...
...
Va bè, vi risparmio il resto: in sostanza dovrò chiamare la dietologa per aumentare la dieta, fare esami del sangue... e chiamare la psicologa per riprendere la psicoterapia!
CHE ANSIA CHE MI METTONO QUESTE COSE!
Nella mia testa riecheggia quella frase: SOLO TU SEI ARTEFICE DEL TUO DESTINO!
Cacchio ma la smetto di prendermi per il culo?????!!!
I problemi non si risolvono così... lasciarsi morire di fame non è un modo di affrontare i tuoi problemi!.. azz!! ma lo vuoi capire??
Non è il numero della bilancia che definisce quanto vali! E poi...tanto anche una volta arrivato a 30 non sarebbe mai abbastanza, perchè alla fine non te ne frega niente del numero in sè... il problema non è tanto quello che dice la bilancia, ma quello che dice la tua testa!
Si, è la mia testa che non funziona... o comunque è lei che mi fa fare ragionamenti sbagliati!
Si, mi sento sbagliata! terribilmente...
Penso e ripenso, ma quand'è che mi sono effettivamente infognata in questi problemi?
Bho... una serie di cose...
Anno ‘06/’07... credo che sia iniziata lì...la mia discesa!
Nella libreria di camera mia c'è un diario, sapete quei diari segreti con il lucchetto (che tanto si apre anche senza chiave) che ti regalano quando sei piccola? Bè, quel diario ha già 10 anni^^... e ogni tanto, soprattutto nei momenti down, ci scrivevo i miei pensieri... Il 2006 è l'anno più gettonato!
Ah, comunque in quel periodo mangiavo ancora... La CIOCCOLATA era la mia passione!!
Anzi, forse il cibo era ancora la mia unica consolazione...
Poi... mmmmmh... non so bene come è iniziato tutto...
Forse ero solo stanca, stufa di tutto, stufa di me! Famiglia, scuola, amici... andava tutto di M...
Tutto un fallimento totale. Va bè, una serie di cose che ora non sto a raccontare... Avevo bisogno di qualcosa per riprendere in mano la mia vita, forse avevo solo bisogno di una nuova me stessa.
Tanto peggio di così non poteva andare...
Ecco, credo sia da lì, quando ho iniziato a dimagrire, che ho creduto che potessi riavere almeno un po' di controllo sulla mia vita.. un po' più di autostima e sicurezza.
Così ho iniziato a mangiare meno, poi sempre meno...a restringere sempre di più!
-3
-5
-8
uoooo, sì sì... la lancetta scende..
I complimenti sul mio fisico mi facevano sentire bene...
Ah.. che soddisfazione! Finalmente faccio qualcosa di giusto... stavo decisamente meglio.
Così ho continuato a restringere, con giorni di quasi totale digiuno!
Poi, pian piano i complimenti sono diventati quasi dei rimproveri... ma io ero troppo occupata a seguire il mio "obiettivo", e non volevo ascoltare.
Mi trattengo... da un lato il baratro, il vuoto, il volo. Mi soffermo sul limite che mi separa dal fondo, filo sottile distingue le mie alterazioni tra l'apoteosi della felicità e il nero totale!
-11
-13
-14
I kilogrammi se ne vanno, e insieme a loro, anche una parte di me...
Mentre un gran senso di vuoto continua a crescere. Tanta confusione, tanti pensieri... come nubi scure, dense e minacciose.
Sembra quasi follia...
Perchè?
Perchè mi sento forte, sento un senso di controllo e potere che non avevo mai avuto, ed è stato inaspettatamente facile!
Io vs Io
Sembra quasi una sfida, una sfida contro me stessa. E' come se una parte di me volesse dimostrare all'altra metà di me che sono forte, che ho il controllo.
"Stasera ho saltato cena... poi 3 ore di palestra! Vedi come sono forte?” Potere... POTERE e CONTROLLO!
-15
-16
-17
A questo punto le mie giornate sono fatte di vuoto e ossessione. La notte di crampi e lacrime, sono depressa! Il digiuno non mi basta più... Il poco che mangio lo vomito. Bere un semplice caffè mi fa sentire terribilmente in colpa, aumenta il senso di inadeguatezza... VORREI SOLO SPARIRE. Sto male!... voglio essere lasciata in pace, non valgo niente... e così inizio a tagliarmi. Perchè? Perchè è quello che merito... non so più vivere... mi sento tanto sola!
-18
-19
-20
A questo punto ho due possibilità: Continuare in questo lento suicidio o farmi aiutare...
Ho scelto la seconda opzione!
FABER EST SUAE QUISQUAE FORTUNAE!!!
SEI TU A DECIDERE!!

Io mi rimetto in carreggiata...lotto insieme a voi!

Cara Enigma, non sai quanto sono onorata di poter pubblicare le tue parole, e non sai quanto piacere mi faccia leggere tutto ciò che hai scritto. Il tuo pezzo è un inno alla vita, la dimostrazione che si può cadere e ci si può rialzare mille e poi mille volte, senza mai perdere la speranza né la voglia di farcela. Le cose che spingono nel vortice dell’anoressia sono talmente tante che è impossibile indicarle a dito, e purtroppo quando si concretizza veramente quello che è successo, è sempre troppo tardi. Ma mai è troppo tardi per ribellarsi, per rialzare la testa, per ricominciare a lottare! Non è mai troppo tardi per dichiarare guerra all’anoressia, per avere la forza di non tirarsi indietro e riprendersi la vita masticando ogni metro. Lo so che ci sono dei momenti particolarmente difficili, ma credo che la grande ironia che hai sarà un’arma molto importante nella tua battaglia. Non ridere di te, ma ridi per te stessa… e vedrai che ogni sorriso che ti dedicherai sarà un sorriso che toglierai all’anoressia. Sei forte, coraggiosa, intelligente, dolce, sensibile e in gamba: hai tutto quello che occorre per vincere questa battaglia. Non smettere mai di combattere, mi raccomando!
E ricordati sempre che… faber est suae quisquae fortunae!... Sì, Enigma, sei solo tu a decidere… hai la tua vita davanti… sarà esattamente come la vorrai costruire, col tuo coraggio, la tua forza e la tua determinazione.
In bocca al lupo, stellina!

21 commenti:

Ana. ha detto...

Buona Sera.
Tutto quello che ho letto mi rispecchia molto.
Tranne per il vomito.
Mi sento un po stupida ma la voglia di stringere continua a farmi pressione. Ieri ho fatto quasi digiuno totale. Credo di non aver mangiato neanche 100 KCAL.
Non so perché faccio questo.. ?!
Sarà per il puro piacere di vedermi magra. Non ho idee.
Una si però. L'anoressia mi permetterà di mantenermi in forma fino a quando non comincerò a fare sfilate più serie.
Ma quando sarà?!
Potrà essere troppo tardi... Lo so.
E mi dispiace. Ma non so cosa dire. Non ci ho ancora pensato.
Non voglio smettere... E mi rendo conto di essere una Cretina. :(

Vele/Ivy ha detto...

Il conto alla rovescia dei chili persi mi ha fatto rabbrividire :(
Anch'io auguro a questa ragazza IN BOCCAAL LUPO per la sua battaglia. Non merita certo di soffrire così!

Balua ha detto...

Che bellissima lettera, Enigma.

.. mi ha fatto riflettere molto la fase dei tagli..

Gιυℓιєттα ha detto...

Spesso copio parole dei post x far capire e k lo pubblica le frasi in cui mi identifico..qui erano troppe.. Una parte tra tante della lettera di Enigma mi ha portato ad avere le lacrime agli okki.. Dice ke si sentiva forte, che FINALMENTE FACEVA QLKS DI BUONO e ke voleva una nuova lei.. Ecco..qst sono io..

memy ha detto...

io ti ringrazio di essere passata da me,con quel post intendevo mettere un inizio a tutto questo come la reglette che parte da 96 anche se ora sono 88.
Ora devo mettere il mio presente e il mio futuro come nella mai reglette

Enigma ha detto...

Uh...ma questa è mia!
...che vergogna.

Un mese fa ero più ottimista, nel frattempo sono di nuovo sprofondata...

ma adesso che rileggo la frase, mi sento un po' più motivata a rialzarmi.

GRAZIE VEGGIE!
E grazie a tutte le meravigliose persone che leggono questo blog!
Vi voglio bene

CONTRA ha detto...

Ossì ognuno ha i suoi problemi in cui riscontrarsi.
In quel libro ci sono diverse parti di me.
Grazie d'esser passata:)
mi fan piacere i tuoi commenti.

Un abbraccione

Enigma ha detto...

"Forte, coraggiosa, intelligente, dolce..."

Wow, un po' troppo Veggie...
Fossi anche solo la metà di quello che credi basterebbe...
Ma grazie lo stesso^^, non può che farmi un immenso piacere se la pensi così di me!

Un abbraccio forte forte

Ilaria ha detto...

sono con voi. forza. :)

Wolfie ha detto...

Che brivido che mi ha dato il leggere le parole di Enigma! È una storia diversa dalla mia, eppure è come se si trattasse della stessa storia; non so spiegarmi meglio, ma sento che è così. Mi sento molto vicina a questa ragazza, forse perché aldilà dei fatti in se per se, sono le sensazioni che si ricavano che ci uniscono.
Enigma, sappi che anch’io sono dalla tua parte! E ti auguro di riuscire a fare la tua fortuna! Forza forza forza forzaaaaaa!!!!

SRIJPB ha detto...

...siamo noi a decidere della nostra vita...forse...non ne sono poi così convinta...ci sono scelte che ti vengono semplicemente imposte e tu non puoi decidere...devi solo limitarti ad accettare...dio mio ma è possibile che i medici che se ne"intendono" di DCA siano tutti uguali?!?in quelle parole ho rivisto esattamente qll volta in cui anche a me mi ci hanno fatto parlare...davi risposte insulse banali...ma andava bene così...il mio cervello non era lì...non ci ho mai provato veramente...perchè sono rimasta schifata dalla loro indifferenza in partenza...ok per loro è un lavoro...ma per me la questione è un tantino differente!!!!

§emplicemente**VIRGI** ha detto...

valli a capire sti genitori...

O.o

secondo me la domanda che noi TUTTE dovremmo porci è: cos'è per ME l'anoressia?

ad esmpio io sono caduta in questo tunnel a 11 anni circa, non perchè volevo essere come Kate Moss ma perchè rifiutavo il cibo, la mia famiglia...

ora cos'è per me?

cos'è per voi?

ecco tutto...

un bacio

evaluna ha detto...

Grazie per quel " non e' mai troppo tardi" Veggie, io tendo sempre a dimenticarmelo, e a pensare " stavolta e' finita davvero".La fine di ogni speranza e della voglia di farcela pero' sono bugie che racconto a me stessa, basta una scintilla che scateni in me un'emozione, come un'ingiustizia che non mi lascia indifferente oppure delle parole che mi commuovono fino alle lacrime, e capisco di essere ancora viva e che vale la pena di vivere solo per poter ridere, piangere, indignarsi, senza congelare i propri sentimenti e gioire per una perdita di peso che provoca solo una felicita' ed una soddisfazione molto effimere, considerando il dolore a cui lasciano spazio prima o poi...
No Veggie, non ho smesso di lottare, sono solo un po' fiacca, ma se l'idea di arrendermi mi e' balenata, ho pensato a quanto di buono ho fatto per me stessa nell'ultimo anno, perfino negli ultimi tempi dopo essere giunta qui,e se ho permesso alla parte contorta della mia mente di prendere il sopravvento, so che dentro di me non mancano le risorse per avere la meglio io nella parte sana di me stessa.
Devo trovare il modo di farle emergere e sfruttarle al meglio, e questo e' il pezzo di strada piu' ripido da percorrere prima di raggiungere la vetta, e di fronte al quale mi sono fermata per la paura di affrontare un sentiero tanto in piedi da farti mancare il fiato.
Mi sto ancora riposando, ho bisogno di energie.
Poi mi alzero' e niente piu' ostacolera' il mio cammino, o se ci provera' saro' piu' determinata nell'affrontarlo.
Per tornare all'argomento Tv che hai trattato da me, io ne sono sempre stata semidipendente.
Nel senso che oltre a quel mezzo amo anche i libri, la musica, il computer.
Ma da quando trascorro il poco tempo libero che mi e' rimasto qui, la tv l'ho completamente dimenticata.
A volte sento le persone parlare di programmi o telefilm vari, e sento che non mi sto perdendo niente.
Mentre sono convinta sempre di perdermi qualcosa ogni volta che per un motivo o per l'altro non ho la possibilita' di collegarmi qui.
Come cambiano le cose da un giorno all'altro, e cio' mi rende molto ottimista!
Grazie Veggie, e poi Enigma per me rappresenta molto!
Un bacione!

Alice and my world ha detto...

Ciau...iO e Alice siamo Consapevoli che i pazzi siano là fuori...ma se usiamo il loro metro di giudizio...siamo noi 2 le pazze ehehehe.
L'importante è cercare di avanzare imperterrite e orgogliose di ciò che si è...anche se non è facile per niente.
scusa la brevità...ma il tempo scorre inesorabile e gli impegni.....e il lavoro....e....e....
Un abbraccio.
Continua sempre con i tuoi post, li seguiamo...molto volentieri :D.

Michiamomari, e ha detto...

Grande, Enigma! Grande enigma. Comunque adorabile...

Aisling ha detto...

Grazie per questa testimonianza Enigma! Anche se ho il DCA opposto, mi sono ritrovata in alcune tue parole e mi hanno colpito molto quelle dei tagli, soprattutto quando hai scritto che te lo meritavi.. E' esattamente quello che penso io, è sorprendente, come dice Veggie, quanto siamo i peggiori giudici di noi stesse...Continua a combattere così che vai alla grande, si vede che sei una tosta!
Ieri sono stata da mia nonna, Veggie...Come ai vecchi tempi, sono praticamente cresciuta lì fino poco tempo fa ci stavo giorno e notte.. Devo dire che ieri mi sono sentita meno ansiosa, più al caldo, più sicura, anche se mi mancavano internet, i miei peluches e i miei libri.. Ho mangiato.. Tanto... Però in modo diverso... Guardando cosa mangiavo e non buttando giù e stop.. Ho mangiato comunque troppo,ma non mi sono fatta male ed è già qualcosa.. Proverò le creme che mi hai consigliato, oggi vado a comprarne una, grazie! Veggie,ho scoperto una cosa! Ho PAURA di avere fame! Appena il mio stomaco si svuota leggermente (dopo magari mezzora), devo correre a riempirlo sennò sono guai! Cosa significa secondo te? Devo assolutamente scoprirlo perchè è proprio per quello che non riesco a seguire una cavolo di alimentazione equilibrata! Un bacio grande grande!

sorridente ha detto...

Cara Enigma, prendi in mano il tuo destino, lotta, spiega le tue ali e inizia a volare alto verso quella luce che ti farà finalmente stare bene.
Ciao Veggie, un bacio.

CyberMaster ha detto...

Veggie, dai un'occhiata qui:

http://www.slideshare.net/guest0203f8/risorse-e-potenzialit-dei-siti-telematici-per-il-lavoro-psichiatrico

...un abbraccio ;)

Veggie ha detto...

@ Ana. – Non sei affatto cretina, non pensarlo neanche per sbaglio! Sei solo una ragazza che in questo momento si sente a disagio col proprio corpo… non c’è niente di cretino in questo, assolutamente! Non devi dire qualcosa a me… è a te stessa che devi dirlo. Perché, secondo me, tu dentro di te lo sai perfettamente che non è il puro piacere di vederti magra, ma è un malessere e un disagio che viene molto più dal profondo… Lo so che è facile capirlo razionalmente, mentre emotivamente lo è molto di meno… Ma se il tuo obiettivo è quello di fare delle sfilate, allora, perché non provi ad andare da una dietista o da una nutrizionista, in maniera tale che ti possa aiutare a scegliere la tua alimentazione, al fine di raggiungere comunque il peso che vorresti, però in maniera graduale, equilibrata, sana e fisiologica?! Se puoi ottenere la stessa cosa in maniera sana, perché non farlo?!... Guarda, anch’io sono seguita da una dietista, perciò ti assicuro che è molto utile e i risultati sono tangibili… e, soprattutto, ci permette di fare le cose in maniera sana e senza sensi di colpa… Prova a fare per lo meno un tentativo, no?! Non hai niente da perdere, e tutto da guadagnare… Ti abbraccio forte…

@ Vele/Ivy – Penso proprio che l’ “in bocca al lupo” per Enigma sia corale…!!

@ Balua – Bentornata… eh sì, nelle parole di Enigma c’è molto su cui riflettere… ma anche tanta grinta da vendere!...

@ Giulietta – E’ vero, Enigma dice proprio così… e anch’io, a mio tempo, ho detto così… e credo che la maggior parte di noi abbia detto esattamente la stessa cosa… Ma arriva fino in fondo. Leggi la parte finale… che è la più bella, la più forte e la più vera… E sappi che, come ti riconosci nella storia di Enigma, puoi riconoscerti anche nella sua conclusione… Dipende tutto solo da te… Dai che ce la puoi fare!!

@ Memy – Sono io che ti ringrazio per essere passata da me, piuttosto! Ad ogni modo, ti auguro davvero di riuscire a trovare l’equilibrio che tanto desideri nella tua vita… e ti auguro con tutto il cuore che quello cui stai andando incontro sia un futuro bello come non mai… Un abbraccio…

@ Enigma – Ehilà, protagonista! ^__^” Ma quale vergogna e vergogna… non hai niente di cui vergognarti di te stessa, sotto alcun punto di vista… Dovresti essere fiera di te stessa, invece… perché quello che hai fatto dimostra un grande coraggio. Gli scivoloni credo siano inevitabili… siamo umane, in fin dei conti, non possiamo pretendere chissà che cosa da noi stesse… L’importante è che dopo ogni ricaduta si trovi la forza per rialzarsi… Perché perdere una battaglia non significa affatto aver perso la guerra… Quindi, continua a combattere… e ne uscirai più forte di prima. Ti voglio bene anch’io, lo sai, vero?!
P.S.= Ma tu non sei la metà di quello che credo… Tu sei molto di più, ne sono assolutamente convinta!!

@ CONTRA – Grazie a te, mia cara… Eh, sì, hai proprio ragione… Possiamo trovare in tanti posti frammenti di noi… basta saper guardare con gli occhi giusti…

@ Ilaria – E io sono con te. E sono convinta che ci sono anche tutte le alte ragazze… Non arrenderti mai…

@ Wolfie – L’esperienza del DCA è una cosa che, per certi versi, unisce un po’ tutte, senza fare poi caso a quelli che sono i particolari delle nostre storie individuali… E’ una sorta di vissuto comune, di sentito comune… Ma forse è proprio questo che ci permette di darci un po’ una mano a vicenda, no?!... Ah… mi unisco all’augurio!! ^__^

Veggie ha detto...

@ SRIJPB – E’ ovvio che non possiamo decidere assolutamente tutto della nostra vita… sarebbe molto bello, ma purtroppo non è così… Però, se è vero che non possiamo cambiare il vento, è anche vero che posiamo dirigere le vele… o ho cambiato un sacco di psicoterapeuti prima di trovare quella che ho reputato la persona “giusta” per me con cui ho fatto praticamente più di 3 anni di psicoterapia… e, tra l’altro, questa persona non era neanche specializzata in DCA… Io penso che devi tentare e tentare e tentare ancora, fino a che non avrai trovato la persona “giusta” per te… Sì, sarà dura, non te lo nascondo… e prenderai tante “culate per terra”… Ma quando avrai trovato la persona “giusta” per te, capirai che ne è valsa la pena… Ti abbraccio forte…

@ Virgi – Sì, hai ragione, la tua è una grande domanda: bisogna andare a ricercare il cuore del problema, per poterlo affrontare… Non so se hai letto un post che ho scritto un po’ di tempo fa… è la risposta alla domanda di Milly… L’ io ho dato il mio personale output, la mia personale e parzialissima risposta a questa domanda… Certo, è una domanda su cui tutte bisogna lavorare… come dicevo in quel post, trovare le chiavi per aprire le nostre serrature… e per poter tornare a correre sotto un cielo sereno…

@ Evaluna – Io credo profondamente nel “non è mai troppo tardi”… perché è l’esperienza che me l’ha dimostrato. No, non è mai troppo tardi e non c’è niente d’impossibile… se solo troviamo la forza e il coraggio di farlo. Tu sei viva, tesoro, sei molto più viva di quel che credi… Sei viva perché hai una sensibilità enorme e meravigliosa che ti permette di penetrare in profondità e di uscirne sempre arricchita… I momenti di fiacca ci sono, inutile negarlo, ci sono per tutte… Ma vanno bene anche quelli… è la vita… non si può pretendere sempre da noi stesse il 100% del rendimento… L’importante è cercare, per quanto possibile, di fare sempre del nostro meglio… Ma certo che puoi avere la meglio sulla parte “malata” di te… ogni volta che fai un piccolo gesto d’amore per te stessa, stai dando un bel calcione nei fondelli dell’anoressia… Prova a canalizzare la tua forza e la tua rabbia, usandole non contro te stessa, ma PER te stessa. Non ti dico che è facile, non ti dico che ci si riesce così, con uno schiocco di dita… ma ti dico che è possibile… e ti dico che tu ce la puoi fare assolutamente… Prechè, come hai detto tu stessa, le cose possono cambiare da un giorno all’altro… da un’ora all’altra… da un minuto all’altro… anche in un solo momento. E quel momento, non sai mai quando arriva… perciò, tu sta’ all’erta, e coglilo. Ce la farai. Ne sono certa…

@ Alice and my world – Che cosa è “normale”? Niente, nessuno lo è… ognuno usa i propri parametri per definire la realtà circostante, e quello che vi si discosta esce dalla considerazione di “normalità”, perciò… forse dovremo solo smetterla di pensare a cos’è “normale”… e ricordare un po’ più spesso che siamo tutte speciali…

@ Mari – Vero che Enigma è una grande?! Glielo dico sempre anch’io, e non sono la sola… ma non ci crede… Diglielo anche tu che è vero!... ^__-

Veggie ha detto...

@ Aisling – Penso che, al di là del DCA specifico di cui soffriamo, quello che accomuna tutte quante è il vissuto di dolore… è per questo che, anche se le singole esperienze sono differenti, è comunque facile riconoscersi in un modo o nell’altro nelle parole delle altre… E io credo che sia un bene se tu ti riconosci un po’ in quel che ha scritto Enigma… perché tu stessa dici che Enigma è una tosta (ed è vero!)… quindi, di conseguenza anche tu lo sei! Non te lo dimenticare mai!!
Mi fa piacere leggere che lo stare con tua nonna ti abbia fatto sentire più tranquilla e, in un certo senso, guardare al cibo non come a una minaccia ma come a un qualcosa che ti nutre e che ti dà sostegno e, quindi, un qualcosa che puoi assaporare… Perché è veramente così che stanno le cose… Io non so rispondere direttamente alla tua domanda, nel senso che non ho il libretto delle istruzioni e non ti so dare una risposta preconfezionata… Credo che, come hai scritto tu stessa, la cosa cruciale sia che TU riesca a trovare una risposta a questa domanda… perché da questa risposta potrebbero dipendere tante cose. Quindi, trovati un po’ di tempo per te stessa per pensare su questa cosa, e per darti una risposta… Una risposta “giusta” a questa domanda secondo me non esiste… nel senso che ognuna di noi ha la SUA propria risposta che è “giusta” per se stessa (e non necessariamente per le altre…), per questo ti dico che devi essere tu a trovarla… Io adesso ti dico quella che è la mia idea… ma non è detto che sia anche la tua, o che vada bene anche per te… Quindi, prendi quello che sto per scrivere “con le molle”, come un mio pensiero… e poi prova a trovare la TUA risposta alla domanda… Secondo me, non è della fame in sé per sé che si ha paura, ma di quello che la fame rappresenta. Se hai fame, letteralmente, vuol dire che ti manca il cibo. Ma, in realtà, nella tua vita non è il cibo materiale quello che manca… e allora, ecco che manca qualcos’altro. Ma poiché è un qualcosa di più sottile, di più difficile da individuare, non si riesce a focalizzarlo… e allora si scarica tutto sul cibo materiale, perché quello è una cosa concreta con un è (più o meno) facile relazionarsi… Il vuoto che sentiamo, io credo, non è quello dovuto alla mancanza di cibo… l’ansia che proviamo, non deriva realmente da quanto abbiamo o non abbiamo mangiato… E’ un’ansia non nei confronti del cibo, bensì nei confronti della vita… la perenne paura di non essere all’altezza, di essere “meno”, di essere… sì, VUOTE. Perché la vita è un qualcosa che sguiscia, non si può trattenere né tantomeno controllare (come c’illudiamo di poter fare col DCA), e vuole essere inseguita, e afferrata con delicatezza, perché è una meravigliosa farfalla che se solo sfiorata in modo sbagliato finisce per terminare il suo volo. Ma la morte è un qualcosa che non riempie mai… lascia quel vuoto che somiglia così tanto al buco allo stomaco… Io penso che sia la vita ciò di cui si ha veramente fame…
Un abbraccio fortissimo…

@ sorridente – Mi unisco alle tue parole… Forza Enigma!

@ CyberMaster – Grazie per il link, volo subito a dare un’occhiata…!! ^__^

 
Clicky Web Analytics Licenza Creative Commons
Anoressia: after dark by Veggie is licensed under a Creative Commons Attribution-NoDerivs 3.0 Unported License.