Come gli alchimisti trasformavano il ferro in oro… voi potete trasformare l’oscurità in luce. Siete tutte benvenute.

domenica 30 novembre 2008

Paura di fallire

Penso sia semplicemente naturale, dopo aver passato l'anoressia, temere di ricaderci… ma la cosa importante è che, se ciò dovesse accedere, adesso sappiamo di avere le armi per combatterla. Quel che è stato parte di noi non cesserà mai completamente di esistere, ma si può essere più forti e riuscire a sopravvivere. Riuscire a conviverci senza che l'anoressia abbia la meglio.

Lo so, a volte pensare di intraprendere un processo di ricovero fa paura. Ma la paura è solo una scusa per non affrontare le cose. Ci vuole molto tempo per liberarsi dei fantasmi del proprio passato, specie se questi ci hanno infestato a lungo. Ma le ricadute sono normali, e bisogna cercare di non scoraggiarsi. È una lotta difficile, lo so, ma possiamo farcela, tutte quante. Ci saranno giorni buoni e giorni cattivi. Bisogna solo non perdere mai di vista il traguardo, ciò che ci vuole veramente dalla vita. Se si riesce a tenere la testa alta, a rialzarsi dopo ogni caduta, siamo già ad un buon punto della strada.

I giorni cattivi sono inevitabili, giorni in cui tutto si tinge di nero e viene voglia di mollare perché sembra che la vita si chiuda e allora si teme di non essere più capaci di affrontare ciò che ci aspetta. La paura che arriva, allora, può far venire voglia di riadottare quei comportamenti sbagliati del passato. Rituffarsi in quelle dinamiche che, per quanto negative e distruttive, davano comunque sicurezza. Bè, anche se è doppiamente difficile, è proprio in momenti come questi che bisogna continuare a combattere.

La paura lega al passato. Al non lasciar la strada vecchia per la nuova. Talvolta andare incontro ad un futuro sconosciuto fa così paura che sembra essere preferibile quello che è stato in passato, per quanto distruttivo potesse essere. Per questo lasciare il passato è così difficile. Perciò bisogna cercare semplicemente di muovere un passo dopo l’altro, piccoli passi, giorno dopo giorno. Ma siamo tutte umane, perciò, si sa, le ricadute ci sono. Il fatto che ci siano non significa che tutto il duro lavoro che si è fatto per arrivare fino a quel punto è stato inutile o è andato distrutto. Non significa che bisogna ricominciare tutto di nuovo da capo, perché quello che è stato fatto, in qualche modo, resta. Può essere usato come “rampa di lancio” per ripartire. Partendo da un’esperienza come l'anoressia è maledettamente difficile raggiungere un traguardo positivo, perciò è naturale avere delle ricadute. Dunque bisogna semplicemente riconoscerle come tali e non demoralizzasi ma cercare di superarle. Se si capisce quel che si è fatto di sbagliato, si potrà evitare di rifarlo in futuro. Ci si potrà rialzare e dire “ricomincio da qui”.

Pensatela un po’ così: se volete andare da Milano a Napoli e, dopo aver percorso 300 Km, la vostra auto ha un guasto e si ferma, non è che dovete ritornare a Milano e ripartire di nuovo da capo per Napoli! Siete e rimanete a 300 Km dal punto di partenza. Ed è da lì che ripartirete non appena la vostra auto sarà stata riparata. Poi, può darsi che durante il viaggio si guasti nuovamente e dobbiate fermarvi ancora, oppure è probabile che abbiate sete o dobbiate andare in bagno e decidiate di fermarvi ad un Autogrill, e più volte vi dovrete fermare, più lungo sarà il viaggio, ma non dovrete mai ricominciarlo da capo! Si tratta solo di risalire in macchina e ripartire. Prima o poi arriverete sicuramente. E lasciate che vi dica una cosa: non c’è niente di male nel fermarsi quante volte lo vogliate.

Credete più in voi stesse che nei fantasmi del vostro passato. E non abbiate paura di fallire ancora. Rialzarsi è sempre possibile, qualora lo vogliate.

13 commenti:

Alfa ha detto...

La consapevolezza degli errori è un ottimo antidoto contro il ripeterli.

PS
Il vino buono sta nella botte piccola, cara Veggie.

frufrupina ha detto...

Ciao Veggie,tutto ciò che hai scritto è bello.Hai mostrato veramente di essere forte con te stessa,con tanta consapevolezza e obbietività nelle tue parole...vero,che quando cadi devi rialzarti e riprendere il cammino,ma bisogna sempre tener presente che quando ti vorrai rialzare,devi farlo con tanta forza di volontà...restare con piedi ben piantati per terra....cercare di visualizzare la nostra posizione attuale e ricominciare il cammino nel sentiero buono....Su tutte le cose per poterle veramente sonfingerle,dobbiamo avere molta consapevolezza e obbiettività nel nostro IO...ti auguro con tutto il mio cuore una serena notte.Bacioni.

La Ely ha detto...

Il mio ex mi parlava spesso di coazioni a ripetere..di comportamenti, a me peculiari, che riproponevo continuamente e mi portavano in un loop distruttivo senza che me ne accorgessi.
A volte bisogno avere la forza di guardarsi "dal di fuori" per capire quale parte di noi stessi ci porta a ripetere sempre il medesimo copione seppur in circostanze differenti.
Hai ragione: la forza che arriva dagli errori superati e dalla consapevolezza della nostra forza sono un'arma potentissima.
Io ho sempre diffidato dalle persone che non conoscono il dolore, mi pare che non sappiano davvero cosa sia la vita. Ma il dolore ci porta a combattere. non è facile DECIDERE di combattere, ma ci si riesce si cresce davvero.

Anonimo ha detto...

Bisogna sempre trovare in se stessi la forza di tornare in piedi quando si cade :-)
Felice inizio di settimana.
Pachucha.

Pupottina ha detto...

la paura di fallire c'è in ogni situazione... non soltanto dopo l'anoressia... è normale per ogni rapporto d'amore o situazione lavorativa... siamo tutti incerti del futuro... si può fallire in ogni campo... in qualsiasi momento... però bisogna cercare di esssere sempre forti e di nno lasciarsi andare...
bisogna lottare sempre... anche se tutto va storto....

buon inizio settimana e mese


^__________________^

sorridente ha detto...

Il paragone della macchina è azzeccatissimo. Quando si fa un percorso, di qualunque tipo, gli obiettivi raggiunti entrano a far parte di noi, e nessuno e niente ce li può togliere. Si deve ripartire sempre da dove siamo arrivati, con la consapevolezza di tutto ciò che abbiamo acquisito. Buon inzio settimana. :-)

frufrupina ha detto...

Ciao gioia...sono passata per augurarti con vero cuore una serena serata.Baci.

PiccolaTrilly ha detto...

Ciao Veggie, sn Mary...come promesso sn passata sl tuo blog e ho deciso di lasciarti un commento finalmente...!
Non a caso ho deciso di lasciartelo in qst post, che per me non è uno come un altro...credo che mi rappresenti nel modo piu assoluto...la lotta contro l'anoressia credo sia una delle cose piu difficili del mondo...ma non perchè si tratti dell'anoressia, ma perche si tratta di una lotta contro un'altra parte di se stessi e ci vuole una forza di volontà inimmaginabile...una consapevolezza della difficoltà e delle sofferenze che si incontreranno!!
Io dopo tantissimo tempo ho deciso veramente di intraprendere il mio percorso di ricovero, e questo lo devo anche a te!!
sei speciale Veggie, e grazie di esserci sempre!
ti voglio bene
Mary

Veggie ha detto...

@ Alfa - Grazie per l'incoraggiamento... e per le tue parole...
P.S.= "Non sono piccola, è che mi disegnano così..." (Ricorda qualcuno?! ^_^)

@ Frufrupina - Grazie mille per le tue parole, bellissima... Sono totalmente d'accordo con te... Rialzarsi dopo le cadute è fondamentale... e fare del proprio meglio per rimanere in piedi... Sapendo che non siamo sole, e ci possiamo dare una mano a vicenda... E, tenendoci per mano, sarà più difficile cadere la possima volta...

@ La Ely - D'accordo al 100%... Penso che pisogna viverle in prima persona le cose per poterle veramente capire... E ci vuole una buona capacità d'oggettivazione per ricnoscere i nostri errori e cercare di non ripeterli in futuro... Ogni errore, del resto, è sempre una possibilità per imparare, se lo guardiamo dal verso giusto...

@ Pachucha - Verissimo!! E spero che tu possa trovare quanto prima questa forza! Un abbraccio grande...

@ Pupottina - Mai arrendersi, hai ragione, in qualsiasi frangente!! E se lottiamo con tutte noi stesse, comunque vada, sarà un successo... che non è una frase fatta, ma la netta e schietta verità...

@ Sorridente - Bè, io ho imparato a vedere alla vita come ad un lungo viaggio.. strano, tortuoso, imprevedibile... per questo può capitare di andare fuori strada. Ma l'importante è sempre cercare di rimettersi in carreggiata... e di ripartire da dov'eravamo, con ancor più grinta di prima...

@ Mary - Ciao bellissima!! Che piacere vedere che sei arrivata qui anche tu!! Sai... io penso che questo post (anche come gli altri, del resto...) rappresenti un po' tutte noi... Certo, è una lotta difficile, è una lotta dura... Ma non è una lotta contro te stessa, Mary, perchè tu NON sei l'anoressia. Vedi, l'anoressia non è che un'appendice di noi, un'appendice che all'inizio sembrava tanto carina e tranquilla, ma che adesso si è infiammata e ha iniziato a fare un sacco male... Bè, lo sai cosa si fa quando l'appendice s'infiamma? Si taglia!! ^_-
P.S.= In bocca al lupo per il tuo percorso di ricovero!! Sono davvero tanto fiera di te!! Metticela tutta, mi racocmando, eh!! Perchè tu hai tutte le carte in regola per farcela!!
Grezia a te, tesoro... Continua a combattere per te stessa insieme a tutte quante noi...
Ti abbraccio forte forte... e non ti lascio scappare, capito?! ^_^

valeria ha detto...

ccomplimenti..
è davvero lodevole che qualcuno tratti (finalmente) di tematiche interessanti, anzichè spiaccicare su un blog stupidaggini assurde..
-_-
da quello che leggo non deve essere stato facile conquistare la fiducia in te stessa, ma credo anche che t ne abbia ricevuta tantissima! ^_^
un saluto, tornerò presto ad aggiornarmi su questo spazio!
valeria

pansy ha detto...

Trasforma la paura di fallire in voglia di lottare, qualunque cosa accade.
Qualunque cosa succede, tu dai il meglio di te, cosi come sei, con pregi e difetti.
Dirti non avere paura sarebbe poco incorraggiante.
Nel momento del vortice, quando si è in preda alla paura diffilmente si riesce a non averla.
Potresti lavorarci su PRIMA che si manifestano le situazioni, che forse non sai quando si presentano, però se osservi attentamente la tua vita potrai scoprire che ci sono situazioni e momenti che si presentano, puntualmente. SEMPRE. E lo sarà finche non avrai compiuto un azione di CONTROTENDENZA al tuo comportamento in tale momenti.

Provaci! Un caro saluto!!

Trilly ha detto...

Nel mese scorso avevo paura di ricaderci.

Ed e' stata la prima volta quando ho svelato il mio buio pasato ai alcuni miei amici.
Dopo avermi ascoltata hanno capito molte cose su di me: la mia timidezza e i complessi, non lo dicevo mai a nessuno che ero anoressica, vedendomi adesso non diresti mai che l'ho passata, non lo dicevo xk avevo paura che la gente non capisce, che lo considera una cosa delle modelle o mocciose stupide, invece no....ci siamo avvicinati ancora di piu' e mi hanno aiutata, cosi' ho saputo che anche una sorella di una mia amica era anoressica, voglio parlarci con lei xk credo che nessuno puo' capirmi meglio di una exanoressica.

Dopo che mi son aperta vorrei gridarlo al tutto il mondo, dire alle persone che si lamentano cosa vuol dire una soffernza pesante, ma non puoi esprimere a parole la sofferenza di anoressia, devi sentirla sulla tua pelle...
uff ho scritto piu' che pensavo di scrivere xD
baci

Veggie ha detto...

@ Valeria - Ciao Valeria, ti ringrazio per le tue parole... Credo che conquistare la fiducia in me stessa richiederà ancora un luuuuungo lavoro... ma non demordo!... Torna pure quando vuoi...

@ Pansy - Grazie... ti dico solo questo... per i tuoi preziosissimi consigli... GRAZIE!!...

@ Trilly – Innanzitutto, scrivi tutto quello che vuoi e quanto ti pare… questo blog è qui per questo! Sono d’accordo sul fatto che solo chi ha vissuto l’anoressia può capire davvero fino in fondo di che cosa si tratta e cosa si prova… Però è bello leggere anche che tu hai trovato il coraggio di aprirti con i tuoi amici (sebbene “esterni” all’anoressia), e che loro ti hanno dato una mano a combattere… Non temere di ricaderci: mantieniti sempre concentrata su quelli che sono i tuoi obiettivi, i tuoi sogni, le tue passioni… e vedrai che anche se dovessero esserci delle ricadute, ti rialzerai e ricomincerai sempre a combattere… e sarà questo che ti renderà davvero forte…

 
Clicky Web Analytics Licenza Creative Commons
Anoressia: after dark by Veggie is licensed under a Creative Commons Attribution-NoDerivs 3.0 Unported License.