Come gli alchimisti trasformavano il ferro in oro… voi potete trasformare l’oscurità in luce. Siete tutte benvenute.

domenica 14 dicembre 2008

La bilancia e lo specchio

L’unico potere posseduto dalla bilancia e dallo specchio è quello che noi stesse conferiamo loro.

Provate a pensarci…

Per esempio: che cos’è una bilancia? È solo un elettrodomestico fatto di metallo, viti, plastica, connessioni meccaniche. Esattamente come il tostapane, o il frullatore, o il forno a microonde. Immaginatevi come sarebbe se io vi dicessi: “La mia autostima, quello che io penso di me stessa, è determinato dal tostapane”. Sembrerebbe abbastanza stupido, no?! Oppure, se dicessi: “Accidenti che razza di persona orribile che sono, lo dice il frullatore!”. O anche: “Devo chiedere al forno a microonde se sono okay, oggi”. Ehm… O_O

In realtà, tutti quelli appena elencati non sono altro che oggetti inanimati, elettrodomestici che, di per sé, non hanno alcun potere. Acquisiscono però questo potere se siamo noi stesse ad investirli di ciò. Il numero che la bilancia ci rimanda, di per sé, non significa niente. È solo un numero come mille altri numeri che possiamo incrociare nel corso della giornata. E perciò non dobbiamo lasciare che un numero condizioni il nostro umore e che ci dica quanto valiamo… perché noi siamo molto, MOLTO di più di quello che può essere espresso tramite un numero. Soprattutto se questo numero è quello scritto su una bilancia. Nessun numero sarà mai quello giusto se noi per prime non stiamo bene con noi stesse. E se stiamo bene con noi stesse, non avremo più bisogno di ricorrere a quel numero. Perciò, la prossima volta che vi verrà in mente di pesarvi, cercate di mettere sul piatto della bilancia quello che di dì voi vale davvero la pena di pesare: la vostra intelligenza, la vostra simpatia, il vostro talento, il vostro coraggio, la vostra forza di volontà, la vostra determinazione. Perché è solo questo quello che conta. Tutt’altra cosa rispetto ad un numero.

E, per venire allo specchio. Lo specchio non è che una superficie che ci manda un riflesso. Ma siamo noi che dobbiamo decidere come poter interpretare quel riflesso. Molto spesso, se ci pensate, in realtà, dentro la nostra testa abbiamo già elaborato pensieri negativi su noi stesse ancor prima di metterci davanti allo specchio. Fin da prima abbiamo già la certezza che il nostro riflesso, quale che possa essere, non ci piacerà. E così, cosa pensate che succeda quando ci mettiamo davanti allo specchio? Ci siamo già costruite da sole una sorta di profezia che si auto-avvera… ci siamo già dette cosa dovevamo vedere, quindi tutto ciò che facciamo è guardarci con gli occhi chiusi. E specchiarci così fa male, perché quello specchio non rimanda l’immagine del nostro corpo, ma l’immagine della nostra testa. Perciò, prima di cercare di cambiare gli occhi con cui guardiamo, cerchiamo di modificare il nostro modo di pensare. Cerchiamo di vedere quello che c’è di bello in noi,anziché concentrarsi sui difetti e sugli aspetti negativi. È un po’ la stessa storia della bilancia: quello che c’è di bello in noi è un qualcosa di così profondo che la superficie di uno specchio non potrà mai rimandarlo. Ma se ce ne rendiamo conto, allora forse possiamo sorridere. E la vita è proprio come quello specchio: ci sorride se la guardiamo sorridendo.

Perciò, la prossima volta che vi guardate allo specchio, ragazze, pensate a questo: pensate che siete delle guerriere. E il riflesso che vedrete sarà molto più bello di quello reale… perché sarà il riflesso che vi viene da dentro… Il riflesso di una guerriera



P.S.= Per quanto riguarda il video... Datemi tempo non più di una settimana, e sarà qui...

20 commenti:

Luna_tica ha detto...

Ciao, grazie per il commento,
è sempre interessante leggerti.
Vecchie sensazioni si risvegliano,
aghi di memoria,
ago di bilancia,
specchi rotti,
demoni mai assopiti.

..già, si può e si deve ricostruire ma, coscienti di ricadere.

Anonimo ha detto...

La bilancia e lo specchio...due terribili amici/nemici...due demoni che sono stati in grado di accompagnarmi, strattonarmi, spingermi, farmi cascare, ferire, umiliare e addirittura ANNULARE...due malvagità che nell'anoressia sono stati i suoi e i miei antagonisti...che ancora oggi, nel mio percorso di ricovero, hanno ancora un vergognoso coraggio di provare ad insinuarsi di nuovo dentro di me...non hanno pudore loro...ci provano sempre, non smettono mai di provarci...e allora cavolo...è ora di svegliarsi...cos'hanno uno specchio e una bilancia in piu di noi??NIENTE...non contano niente...siamo noi che non dobbiamo abbassare mai la guardia, e dobbiamo essere piu forti di loro...non smettendo mai di combattere...ma avendo sempre e comunque la consapevolezza che si puo ricadere e così bisogna trovare la forza per rialzarsi sempre!!!
Buonanotte Veggie...
ti voglio bene
Mary

Alfa ha detto...

In generale la ricerca della bellezza è l'inseguimento di un potere che non potrà mai appartenerci, perché risiede nel giudizio di un altro.
Quanto meno del nostro super-ego, quasi sempre poco obiettivo.

Giulia ha detto...

la bilancia odio e amore...

La Ely ha detto...

Io la bilancia l'ho proprio bandita da casa mia! Ogni tanto mi peso di nascosto, a casa dei miei, giusto per controllare di non essere ingrassata troppo, ma il nostro rapporto si riduce a questo.
In realtà l'unico periodo della mia vita in cui sono dimagrita a dismisura (almeno per me) è stato quando ero depressa. Oggi quando mi chiedono se non mi vedo un po' grassa rispondo "è perchè sono felice!". Ed è così: ora il mio metro di misura della felicità è anche la ciccetta morbida sui fianchi.
Il nostro corpo parla di noi, è lui il vero specchio, ma noi possiamo parlare attraverso il nostro corpo. Questo penso sia anche uno dei problemi dell'anoressia. Come tu dici che la bilancia è solo un elettrodomestico cui noi conferiamo potere..è tutto lì l'inghippo: nella nostra testa.
Qualsiasi percorso terapeutico infatti risulta vano se, prima di tutto, non siamo noi stesse a crederci, a convincerci di ciò che stiamo facendo, di ciò che vogliamo DAVVERO.
hai ragioen: siamo noi le guerriere, noi sole che possiamo salvarci. E c'è questo potere! Ed è straordinario a pensarci perchè tutti lo abbiamo. E' un casino allucinante tirarlo fuori, una vera agonia, ma quando ci riesci..anche solo un piccolo passo è la conquista di una vetta!

Anonimo ha detto...

Anche io penso che dentro di noi ci siano tante cose belle..peccato che il più delle volte lasciamo che a nasconderle siano le nostre incertezze :-)...
Felice settimana :-)
Pachucha.

Simo ha detto...

Io, a casa, non ho neanche una bilancia. Ce l'avevo, ma visto che non la usavo mai alla fine l'ho buttata via. Del peso non me ne è mai importato assolutamente nulla, magari un po' è anche perchè ho la fortuna di non ingrassare...ma penso che sia proprio un modo mio di vedere le cose. Anche quando conosco qualcuno, per me l'apparenza o l'aspetto fisico non contano niente. Io cerco di guardare "dentro" alle persone, nella vita ci sono tanti valori importanti...e purtroppo anche tanta gente con problemi gravi, quindi se abbiamo la fortuna di stare bene...non roviniamoci la vita per un po' di pancetta!

Julietta86 ha detto...

Veggie grazie per avermi segnalato il tuo blog! il post sulle attività alternative mi è servito, e tutto ciò che scrivi è molto interessante (e "familiare" per me).
un abbraccio

stella ha detto...

E' sempre bello leggerti.

Non hai ritirato il mio premio?

Squilibrato ha detto...

La bilancia è proprio solo un oggetto, fatto di diversi tipi di materiali. Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace, non è un luogo comune. C'è bellezza ovunque.

Anonimo ha detto...

faccio ancora fatica a guardarmi allo specchio...anche se penso che il mio ricovero stia andando piuttosto bene...il rapporto con lo specchio è quel qualcosa che ha ancora il potere di farmi crollare..e così lo evito. non in attesa che cambi il mio peso, ma che cambi la prospettiva del mio sguardo. ho ancora tantissimo lavoro da fare...sto cercando di rispettare i miei tempi..di andare avanti con calma e camminando piano, ma sempre avanti, un giorno incrocerò uno specchio e mi ci fermerò davanti senza passare oltre e sorridendo.

martina

francesca ha detto...

wow il disegno è bellissimo! (anche se devo ammettere che rimarrei un tantino shockata se vedessi qualcosa del genere nel mio specchio:-)
cmq, come scrivevo l'altra volta, la bilancia nel mio caso serve piuttosto a ridimensionare quello che mi sento addosso (in realtà prima non mi pesavo, da qualche mese ho ricominciato anche per paura di essere dimagrita troppo..e devo dire che nella ripresa di peso mi sta aiutando)..le mie sensazioni corporee negative e le mie convinzioni sul mio corpo..e anche lo specchio ha più o meno la stessa funzione..per fortuna è da circa un anno che ho smesso di guardarmi-pesarmi ossessivamente (oppure l'opposto, non pesarmi e evitare come la peste le superfici riflettenti), e forse è per questo che il mio rapporto con lo specchio è migliorato..non so nemmeno perchè, mi è venuto spontaneo...forse semplicemente sono arrivata al culmine della sopportazione...e poi adesso il mio specchio è decorato artisticamente e riesce a rallegrarmi ;-)
baci

Samantha ha detto...

ciao veggie... causa...
causa sai cosa nn ho avuto testa di fare la copertina... in realtà nn ho fatto un cazzo di nulla...
un bacio appena posso mi farò perdonare... aspettami qualunque sia il tempo ke mi sia rikiesto

Enigma ha detto...

Devo chiedere al forno a microonde se sono ok oggi... =)eheh

hai ragione.. su tutto!
buona giornata!
un abbraccio grande grande

ha detto...

lo specchio ...
è un oggetto che mi ha sempre affascinato, è meglio che sia io a studiare lui anziché essere lui a studiare me...

Follementepazza ha detto...

Penso che nè la bilancia nè lo specchio...sono nostri nemici o giudici...qst non giudicano...non parlano...in realtà siamo noi che ci imponiamo dei canoni...noi che ci guardiamo allo specchio e magari ci vediamo tutti i difetti al mondo...
oppure osserviamo il valore che ci dice la bilancia e non ci convincie..ma in fondo è un numero...non è quello che ci misura come persone...non ci giudica, misura solo l'effetto di gravità sul nostro corpo(Forse qst affermazione me la potevo risparmiare)...
Dovremmo smettere di essere giudici imparziali...e cercare di guardare ai nostri difetti(o presunti tali)come caratteristiche che ci distinguono e che ci permettono di non essere solomente un numero nella folla...

Un abbraccio....ciau

Anonimo ha detto...

hahahah quella del forno e del tostapane è una frase geniale! Non ci avevo mai pensato. E bello anche il disegno, ma che programma usi?

dai dai concentrati per il video sono troppo curiosa...ah.

Ma anche per fare un video...che programma serve? e come si fa???

Lety

Anonimo ha detto...

(presa da impeto di doman de curiose)

scusa^^

sempre Lety

Veggie ha detto...

@ Luna_tica - Penso che, in qualsiasi processo di ricovero, le ricadute siano inevitabili... L'importante è esserne consapevoli in modo da poterle affrontare con tranquillità, e soprattutto in modo da non scoraggiarsi, da rialzarsi, e ricominciare ad andare avanti con più tenacia e determinazione di prima...

@ Mary - Hai detto tutto da sola, piccola... Anch'io ho un vissuto difficile con lo specchio... Ma sto provando ad avere la meglio! Perciò, continuiamo a lottare insieme... così, magari, se siamo almeno in 2, gli facciamo un po' di paura a quella bilancia e a quello specchio! ^_^ Tu non devi vergognarti di niente... ha trovato la forza e il coraggio per rialzarti e per comabttere... Devi solo essere fiera di te stessa... e vedrai che, un passo dopo l'altro, riuscirai a tagliare il traguardo...

@ Alfa - Quoto in toto...

@ Giulia - Forse bisogna solo cerca di vederla in maniera oggettiva... Non come un qualcosa che ci "giudica" e che c'influenza, ma come un qualcosa del quale dobbiamo imparare ad essere più forti...

@ La Ely - Le tue parole sono come sempre molto profonde e bellissime... Grazie per aver condiviso questo messaggio positivo e per aver trasmesso un po' della tua forza... Hai assolutamente ragione... Continuiamo a combattere... non contro lo specchio e la bilancia, ma contro il vero nemico... quella parte di noi stesse che è l'anoressia...

@ Pachucha - Perciò, a poco a poco, dobbiamo imparare a tirare fuori tutto quello che di bello c'è... un passo dopo l'altro...

@ Simo - Hai ragione... purtroppo non è così facile... la reazionalità è una cosa, i sentimenti sono tutt'altro... Diciamo, allora, che si cerca di combattere... Non è la fine, ma è già un inizio...

@ Julietta86 - No... Grazie a te per le tue parole... Sono felice che il mio post abbia potuto darti una mano... Continuiamo a combattere insieme, okay?! Un abbraccio forte...

@ Stella - Idem!! Ops... mi fiondo! ^_^ GRAZIE!!

@ Squilibrato - Sagge parole... La bellezza non è bella che si vede... è quella che si sente. E' quella che è dentro di noi...

@ Martina - Forse non possiamo cambiare il vento, ma possiamo dirigere le vele... Non tutti i momenti sono quelli giusti per fare le cose... e allora bisogna imparare a darci tempo e ad aspettare... E quando arriverà il momento giusto, sapremo affrontare anche quella sfida ed uscirne a testa alta... Ed io sono certa che tu potrai riuscirci... Non mollare mai...

@ Francesca - E' proprio questo il punto: non adottare un altro dei nostri consueti comportamenti "tutto o niente", ma imparare ad oggettivizzare... a dare a certe cose la "giusta" importanza, senza che ci schiaccino... Spero che tu possa sempre sorridere quando ti guardi allo specchio d'ora in poi... ma non sorridere con le labbra... sorridere con un sorriso che ti viene da dentro perchè sei contenta di quello che vedi.
P.S.= Grazie per i complimenti sul disegno, sono felice che ti sia piaciuto... ^____^

@ Samantha - Tesoro, non ti preoccupare! Concentrati su te stessa e sul tuo percorso di ricovero, che è davvero la cosa più importante! E poi, lo sai che io sono qui e ti aspetto... Un giorno, un mese, un anno, 10 anni.. tutto il tempo necessario... io sono qui per te, e ci sarò sempre... Ti penso forte forte... Spero di riuscire a trasmetterti un pochina di questa forza...

@ Enigma - Sì, chiediamoglielo, va'... Magari ci risponde pure! ^_^ Chiedilo a te stessa, tesoro... che la risposta già la sai... e la so anch'io... Ti abbraccio forte forte, stellina...

@ Infinito - Bravissima! Un bel ribaltamento di prospettiva è proprio quello che ci vuole!! ^__^

@ Follementepazza - Concordo con te, assolutamente! Ehi, ragazze, leggete le parole di questa girl... dicono tutto...

@ Lety - "Scusa" che cosa? Chiedimi tutto quello che vuoi e non ti far problemi, ci mancherebbe altro!! ^_^
Comunque... per quanto riguarda il video, lo sto realizzando utilizzando un programma che si chiama "Windows Movie Maker"... semplice, ti assicuro (anche perchè, se fosse complicato, considerata la mia sostanziale imbranataggine, non ne sarei capace...), e poi ha un'interfaccia grafica meravigliosa...!! Il disegno.. bè, quello l'ho fatto a mano e poi l'ho scannerizzato! (Se ci clicchi sopra e lo ingrandisci, infatti, si vede che ho messo il foglio un po' storto sullo scanner e la riga in alto non è dritta... ^^") Non sono assolutamente capace a disegare con un programma per PC, quindi ancora devo contare sulle mie manine... ^_^"
BacioBacio!!

Pupottina ha detto...

credo sempre di essere intimorita più dalla bilancia...
credo di piacermi in relazione all'umore... se sono triste nello specchio vedo quello che sento dentro e viceversa se sono felice... ma la bilancia invece continua a sorprendermi ed a farmi .... hmmmmm... non lo dico...

 
Clicky Web Analytics Licenza Creative Commons
Anoressia: after dark by Veggie is licensed under a Creative Commons Attribution-NoDerivs 3.0 Unported License.