Come gli alchimisti trasformavano il ferro in oro… voi potete trasformare l’oscurità in luce. Siete tutte benvenute.

venerdì 29 gennaio 2010

Una e-mail per Ilaria

Questa è una vera e-mail – per una ragazza che lascia spesso i suoi commenti su questo blog: Ilaria.
Ma potrebbe essere anche una e-mail per ognuna di voi, se cambiassi qualche piccolo dettaglio.
Ilaria sta combattendo contro il suo demone. E io sto combattendo per trovare le parole giuste per afferrare le sue mani e tirarla con me sulla strada della luce.

Carissima Ilaria,

senti che ci stai ricadendo. Che non stai bene con te stessa. Che sei confusa. Questo traspare chiaramente dalle tue parole. Ma la tua luce non si è spenta, perchè continuo ad avvertirne il riverbero. Sono preoccupata per te? Sì. Ti voglio bene, non potrei non esserlo. Ho fiducia nelle tue capacità di rialzarti? Sì. Sempre. Perchè? Perchè so che ce la puoi fare. So che puoi farcela perchè l’hai già fatto. Se non lo pensassi, non starei ancora qui a cercare di afferrare la tua mano.
So che sei molto più forte di quel che credi. E so che sei MOLTO più forte dell’anoressia. So che sei una guerriera della luce. Accipicchia, penso che chiunque ti conosca lo sappia! Te ne stai forse dimenticando?

Non posso lasciartelo dimenticare. Non posso lasciarti mandare a puttane tutti i progressi che hai fatto negli ultimi mesi. Tu meriti il meglio, e percorrere la strada del ricovero è l’unico “meglio” che esiste. Credimi. Per favore, credimi. So che c’è una parte di te che vorrebbe semplicemente arrendersi all’anoressia e lasciarla avere la meglio perchè non combattere è più facile, costa meno impegno assecondare l’ossessione che respingerla. Ma tu non sei una che molla. L’anoressia potrà pure urlarti “Devi tornare a perdere peso!” e sputare numeri su numeri nella bilancia mentale che opera anche quando tenti di costruire qualcosa di diverso, ma è tutto un bluff. Se l’anoressia urla, è perché è debole. Cercare di sovrastare la voce dell’avversario è la risorsa dei perdenti.

So che tu puoi rialzarti ancora una volta – in parte da sola, in parte grazie all’aiuto delle persone che ti stanno vicine, in parte grazie all’aiuto di specialisti. Il punto è che tu puoi avere la meglio contro l’anoressia, non arrendendoti alle sue lusinghe, ma con la tua determinazione, la tua vera bellezza (la tua bellezza interiore, il tuo sorriso e, sì – un corpo che è delizioso, che tu te ne renda conto o meno), la tua intelligenza, la tua passione, la tua creatività, la tua capacità d’ironizzare e di ragionare sulle cose, di vederle per come sono realmente senza raccontarti bugie.

Tu hai veramente una grande capacità di vedere e cose per come sono realmente senza raccontarti bugie.

E, indovina un po’?! E’ una delle prime cose che l’anoressia ti potrerà via. Lo so che una parte di te pensa che le cose potrebbero pure andare meglio se tu continuassi a rimanere nell’anoressia lasciando che le ossessioni e la sua visione distorta abbiano la meglio… ma è un errore. E’ una delle tante bugie che l’anoressia racconta. E io non voglio che tu ci creda. Non di nuovo.

Sembra sempre che per quanti sforzi si faccia, si cammini in tondo e quindi si finisca sempre e comunque per tornare al punto di partenza. Lo so. Lo so che la strada del ricovero sembra così dura, così difficile, così invasiva, così opprimente, così impossibile. E so che c’è una vocina dentro di te che sta gridando: “Ma non è quello che voglio! Io voglio dimagrire di nuovo! Io voglio stare male perché così la gente mi presterà di nuovo attenzione!”. Ma ogni volta che crederai in ciò che dice questa vocina, perderai una parte di te. E non intendo i chili.

Non voglio che ti arrendi.

Vorrei che tu fossi qui accanto a me, adesso. Vorrei che tu venissi in palestra con me per fare karate insieme, e darci una mano a combattere contro un’avversaria comune. Vorrei farti capire quanto profondamente ti voglio bene. E vorrei anche accogliere il tuo sfogo e la tua rabbia e le tue lacrime e il tuo sclero. Ogni volta. Ogni volta che non darai ascolto a quella vocina.

E, un’ultima cosa: L’anoressia è una gran rottura di coglioni.
Lo so che è una gran rottura di coglioni. E lo so che è un inferno della peggio specie: un inferno senza morte. Ma io sono qui per te. E il momento giusto per rialzarti ed andare avanti è ADESSO.

Puoi farlo.
Puoi farcela.

No, puoi farcela.

No, PUOI FARCELA.

No, PUOI FARCELA!!!!!!

Okay?!

Ti voglio bene. Tanto tanto.

Tutto il mio amore,
Veggie

Ragazze, potreste dire anche voi qualcosa ad Ilaria? Il vostro supporto è sempre così tanto efficace…

25 commenti:

vale84 ha detto...

Ciao Veggie!!!Intanto questa e-mail la sento anche per me...Io come sai ho abbandonato da un anno la fase anoressica durata 7 anni e ora combatto con la bulimia...però queste parole credono valgano anche per me, e per tutte le ragazze come me:non ci possiamo arrendere!!!
Ad Ilaria dico di non mollare, di non farsi trascinare da questa fasulla, che promette di darci felicità e invece porta solo sofferenza per se e per le persone che davvero ci amano e che si ritrovano impotenti...metticela tutta e aggrappati alla vita!!!Non sei la sola a combattere...

almacattleya ha detto...

Cara Ilaria,
non ti conosco, ma a volte conoscersi non serve perchè quando si tratta di sostegno ci si sente sempre vicini. Mi sono commossa a leggere questa mail che ero sinceramente dispiaciuta per te, ma anche fiduciosa. Fiduciosa perché IN OGNUNO RISIEDE QUALCOSA DI GRANDE. Pensa che si dice che IN OGNUNO DI NOI RISIEDE LA SCINTILLA DEL BIG BANG quando si dice che l'intero Universo fu creato. Tu, come tutte le altre persone, sei un universo tutto tuo con le tue stelle, i tuoi pianeti, i tuoi satelliti, le tue galassie. Sono cose tutte tue che stanno già dentro di te. Non pensi che tutto questo sia splendido, che dentro il nostro corpo ci sia qualcosa di infinitamente meraviglioso? Dentro qualsiasi corpo, anche il tuo, ma se permetti all'anoressia di averla vinta, piano piano tutto questo si spegnerà.
Non so cosa abbia scatenato in te l'anoressia, ma qualsiasi cosa sia successa, non permettere che distrugga il tuo presente. Non permettere che il tuo meraviglioso universo si spenga per sempre. RIDAI VITA A UN ALTRO BIG BANG, a un'altra creazione.
Tu puoi farlo.

Per Ilaria, ma anche per tutte le ragazze che frequentano questo blog.

Elena

Wolfie ha detto...

Cara Ilaria, non sei sola. Questa è la prima cosa che vorrei dirti, perchè so quanto ci si possa sentire sole nei momenti in cui si ha una ricaduta. Sembra che il mondo intero ci crolli addosso, e anche se sappiamo che è tutta un'illusione, per un certo po' di tempo si preferisce illuderci ancora un po' perchè si ha paura che affrontare la realtà faccia più male.
E' vero, forse in un certo senso affrontare la realtà fa più male, ma è anche l'unico modo per reagire e per guarire.
Io non credo proprio che tu voglia arrenderti! Non credo che tu voglia mollare la tua grinta per l'anoressia. E lo so che a volte fa male andare avanti, ma è la vita che fa male, e allora o ci rifiutiamo di fare tutto, ma così si rimane ferme in un punto di stallo e non si arriva a niente, o cerchiamo di darci da fare per cambiare una situazione che non ci piace.
Non è che tu possa rialzarti ancora una volta: è che tu puoi rialzarti tutte le volte che voi. E' questa la nostra magia, la nostra forza. Anch'io sono caduta tante vole e probabilmente ricardò, eppure lo vedi cosa si fa? Ci si rialza. Tutte le volte. Anche perchè rimanere per terra non ha molto senso e non serve a niente.
E quindi, anche se è dura, non ti scoraggiare: la vita ti tornerà a sorridere, ci vorrà tempo ma succederà, e tu puoi farlo succedere nel momento in cui ti rialzi, perciò non esitare!
Come ha detto Veggie, tu puoi farcela. Ma davvero. Credi in te stessa, e non nell'anoressia. Se credi in te, ce la puoi fare!!!!!!!

Pagliuzza ha detto...

Veggie che bella qst lettera..concordo kn qll ke dici.. questa Ilaria quando leggerà qst lettera nn potrà essere indifferente, è scritta con molta dolcezza e amore :)
Graziex le belle parole ke hai usato anke kn me..
1bacione..

bolledipaura ha detto...

Forse quello che c'è ora non è la vita che vorrei esattamente.. C'è qualcosa dentro me, che mi manda in bestia, che mi fa sentire sempre la più impotente. La più odiata. La più odiata e detestata da se stessa.. e leggo di persone che ce l'hanno fatta..sono riuscite a guarire.. persone che magari stimo anche, ma per cui provo un forte senso di invidia e ammirazione allo stesso tempo. Un senso di sconforto, perchè io psicologicamente non riesco ad uscirne; e sono convinta sia così per tutti. Puoi mangiare quello che vuoi, tutto quello che vuoi, puoi tornare al tuo tanto caro B.M.I. da 18,5 ma avvertire sempre la stessa sofferenza scorrerti nelle vene, sempre gli stessi aghi pungerti lo stomaco..sempre la stessa voglia d'essere lasciata stare. La voglia di scomparire,almeno per un po', almeno per quel poco che basta per fare un po' d'ordire nella tua testa e crearti nuovi piccoli sogni, che poi sai non realizzerai mai, ma così..giusto per poterti appendere su qualcosa di tuo.. Io ora mi sono appesa al niente. Alla voragine che mi si crea nel petto e..fosse "solo" quella percezione distorta che riesco a sopportare, invece no, è mal d'amore, mal d'amore misto a mal di pancia. Perchè alla fine è tutta sempre la stessa cosa, che rigiri e rigiri, e il problema è sempre lo stesso, un'emozione di cui devi privarti strappandoti la carne di dosso.

Certo che io colgo al volo ogni tuo tentativo di aiutarmi eh!Ti ho donato un poco dei miei pensieri.E volevo donare ad Ilaria anche un po' di forza,che sono sicura lei abbia nascosto dentro un piccolo angolino della mano..si tratta solo di stendere il braccio ed aprirla.

mynameis... ha detto...

ciao,ti rispondo qui in merito al commento che hai lasciato sul mio blog perchè hai detto esattamente quello che intendevo io!Non voglio essere fraintesa,ma il succo del mio discorso era proprio quello:andare oltre l'etichetta,le categorie nosografiche,per rintracciare il fatto che dietro qualunque disturbo alimentare,nelle sue molteplici manifestazioni,c'è sempre un grande disagio interiore.

Bella questa lettera ad Ilaria,sono sicura che le farà tanto piacere leggerla...

FrammentoDiCristallo ha detto...

questo post è stupendo.. quello che fai è stupendo..
grazie mille anche per i commenti che spesso mi lasci.. grazie, veramente.
be', sì, i 15 giorni li passo sempre a pensare a quello che vorrei riuscire a dirle, mi preparo tutti i discorsi, in modo da sentirmi meno agitata e in soggezione possibile.. ma poi quando arrivo lì.. niente.. vuoto totale.. oppure tante parole che, però,si fermano lì, in testa o a volte anche solo sulla punta della lingua, e non hanno la minima intenzione di uscire.. non ci riesco. proprio no..

Alice and my world ha detto...

Veggie...Io e Alice usiamo la parole "follia", per contrapporci all'apatia sociale.
Fai bene a voler vivere, lo vogliamo anche noi.
Seppur bizzarre iO e Alice, seppur maliconiche, tra gli alti e bassi, nonostante gli schiaffi che la vita ci ha dato....la vita è la vita, è una, è nostra "Vita mia, faremo grandi cose".
Grandi cose per noi.
Fai bene anche tu, a cercare la forza...nonstante le delusioni e il buio, un po' di luce...piano piano, quel sole che riscaldi.
iO e Alice, Ilaria...non ti conosciamo, ma ci aggreghiamo a quello che Veggie ha scritto, a tutto quello che si augura per te, metticela tutta, non arrenderti mai, non darti pervinta, anche tu sei una principessa guerriera.
FORZAAAAAAAAAAA

Un abbraccio iO e Alice

Duccia ha detto...

A Ilaria:

Di fronte a te hai una ragazza che si è persa… Non sa più trovare la forza per andare avanti, non sa più se ha la forza di continuare a lottare… E vorrebbe mollare tutto, vorrebbe tornare ad abbandonarsi alle false lusinghe dell’anoressia… Non sa più se ne vale la pena… Si è persa e ti chiede aiuto… Ti chiede cosa deve fare, ti chiede di tenderle una mano, perché da sola non riesce più a trovare la strada di casa… Ha bisogno di te… Cosa le diresti Ilaria? Quale parole useresti per confortarla? Le diresti che andrà tutto bene? Che anche tu ti senti esattamente come lei e sai che è difficile, ma si deve comunque andare avanti? O le diresti di lasciare perdere, che è tutto uno schifo e che l’anoressia è davvero l’unica soluzione per sopravvivere ?

Ilaria, c’è una ragazza di fronte a te… Il suo nome è Ilaria… Ti chiede aiuto… Rispondile.

Ognuno di noi è “l’altro” più prossimo a se stesso…

Aisling ha detto...

Ciao Ilaria! Volevo dirti che combatto insieme a te e ti sono vicina, non sei sola, puoi sempre contare sull'appoggio di tutte noi! Non è facile scegliere la strada per la nostra vita, ci poniamo mille domande e sentiamo mille vocine contrastanti nella nostra testa ma non dobbiamo dar retta ai richiami dell'anoressia e della bulimia, noi abbiamo una nostra personalità, dei sogni, persone che ci amano, non abbiamo bisogno di loro!
Continua a combattere, le cadute ci stanno, ci fermiamo un minuto a prendere fiato e poi ripartiamo!
In bocca al lupo, ti abbraccio forte!^^Foooooooorza!!!!!

Veggie, mi hai fatto riflettere molto con il commento, è una cosa che non ho mai fatto in vita mia, ho sempre cercato di pensare il meno possibile e di pormi poche domande, ma ci proverò, promesso, te lo meriti e ormai sei diventata importante per me!

Pheqof ha detto...

La tua e-mail non solo "potrebbe essere anche una e-mail per ognuna di voi" ma potrebbe essere una missiva diretta a chi vive problemi diversi, mi riferisco a situazioni dove "qualcosa" predomina sulla nostra personalità, sia essa cibo, fumo, alcool o altro. Trovo che i messaggi che partono da qui possano allargarsi e per questo vengo spesso a leggerti,
un saluto affettuoso
Grazia

Ilaria ha detto...

Semplicemente...
grazie a tutte. ♥

Astrid distratta ha detto...

Vorrei dire a Ilaria di fare x se stessa quello ke farebbe x una persona che ama e che le chiede aiuto x guarire.concordo con Duccia, Ilaria tu cosa diresti e faresti x una persone cara che sta male e si è persa?
in ultimo vorrei dire a Ilaria che c'è un blog di una ragazza, Mimì, che mi ha aiutata a capire molte cose. Mimì in un momento di crisi ha deciso di abbandonare il suo blog ma c'è una frase che mi ha colpita molto, nel suo ultimo post,eccola:
....Solo che come ripeto..

Da sola non ci riesco...

Nessuno delle persone che ho vicino mi può aiutare...

Perchè non sono psicologi o chissà cosa...

Sono solo persone che mi amano e che vorrebbero vedere il sorriso di una volta sul mio Viso..

So che ci sono delle ricadute e me lo aspettavo

Ma mi accorgo sempre più che è come se lottassi contro il muro

Lui è sempre più alto e io sempre più piccina e debole...
(Mimì scusa se uso quello ke hai sritto ma è x una buona causa e, se sei in ascolto: TORNA A SCRIVERE!!mi manca leggerti...)

Ecco, penso ke le parole di Mimì siano molto importanti xchè purtoppo x quanto bene possano volervi amici e familiari non sono psicologi. quindi cercate aiuto professionale non abbiate paura!
fate un tentativo non avete nulla da perdere e se va male? provate ancora cambiate e cercate un aiuto diverso...
Ilaria penso che il mio punto di vista sia abbastanza chiaro cerca aiuto e confidati con chi ti vuole bene ma non vivere nascosta e non tentare cure "fai da te". hai diritto di essere felice xrò ti devi dare da fare. così come usi le tue energie x fare altre cose usale anche x cercare aiuto x te stessa. non ce la fai da sola? fatti aiutare a cercare aiuto da una persona di fiducia ma nn aspettare di toccare il fondo x risalire la china!!noi siamo qui, facci avere belle notizie e metticela tutta!
ti abbraccio:)

Anonimo ha detto...

Per Ilaria:

Mia cara principessina sul pisello, quando aprirai quei tuoi occhietti da cerbiatta ti renderai conto che quello su cui sei seduta non è un pisello ma una fava. E questo, come punto di partenza. Vuoi fare la stupida vittima? Ti riesce benissimo. Pensi di essere la sola alle prese con una ricaduta? La stai scazzando. La vita con la stronza di anoressia E’ una perenne fottuta ricaduta. Quindi. Se vuoi tornare nelle cazzutissime sabbie mobili dell’anoressia impantanandotici ben benino, sei sulla buona strada. Ti farai fessa da sola, ti fregerai nella menzogna d’una felicità momentanea e fallace, ti manderai a puttane. Ti ritroverai nella merda più nera. Non credo che tu non lo sappia. Dunque. Se questo è, al sodo: sparati. Non in senso metaforico, in senso letterale. Sparati. Tagliati le vene, impiccati, buttati dalla finestra, gassati, sacchetto di plastica, embolia, overdose, endovenosa di cianuro, aranciata all’arsenico, quel che cazzo vuoi. Più rapido e meno doloroso, per te e per chi ti vive accanto. Se invece riesci a racimolare un po’ di coraggio per smetterla di frignare come una poppante e autocommiserarti e fare la primadonna della sofferenza anoressica, vedi di darti una mossa. Datti un paio di calci in culo e vedi di tagliarla breve, che il tempo che impieghi per lagnarti e per farti scrivere una menata da Veggie lo potresti impiegare per darti da fare per te stessa. Vuoi mollare? Non saresti la prima e non sarai neanche l’ultima. Vuoi darti da fare contro lo schifo di anoressia? Svegliati e lavoraci su, perché nella vita si ottiene quello che ci si fa il culo per conquistarci.

Jonny

Astrid distratta ha detto...

per correttezza questo è l'indirizzo del blog di Mimì, che x il momento è ancora aperto:
http://lamusicadelsilenzio.blogspot.com/
spero comunque che Mimì ci ripensi è nn chiuda il suo blog.
Ilaria se ti va di darci un'occhiata è un blog molto bello, in + fra i commenti ce ne erano di Veggie e altre ragazze che commentano anke qui...bacio

Ilaria ha detto...

Jonny, vedi di limitare la tua maleducazione e di usare un linguaggio da persona vagamente civile quando ti rivolgi a me, grazie.

1) non sai nemmeno chi sono e cosa ho scritto a Veggie, prima di parlare dovresti capire.
2) non tengo particolarmente alla tua opinione, se mi parli in questi termini.

Ilaria ha detto...

Jonny, vedi di limitare la tua maleducazione e di usare un linguaggio da persona vagamente civile quando ti rivolgi a me, grazie.

1) non sai nemmeno chi sono e cosa ho scritto a Veggie, prima di parlare dovresti capire.
2) non tengo particolarmente alla tua opinione, se mi parli in questi termini.

Michiamomari, e ha detto...

Cara Veggie ciao, e CARA ILARIA...
Già.. dopo una giornata intera passata sul blog di Contra, sai cosa ti consiglio? di fare lo stesso.
Di dedicare a te stessa qualche ora con calma, in cui "guardare" te stessa attraverso le riflessioni e le storie di altre, come le trovi concentratissime al post SUPERCONTRA VS PROANA che trovi qui:
http://contrast0.blogspot.com/2010/01/supercontra-vs-proana-interessa-tutte.html

Certo, nn basterà... ma se provi a scrutare, a guardare nel buio.. ti accorgerai che scrutare serve; con fiducia, senza arrendersi. E' così che si scorge una luce, e seguendola si esce all'aperto.

memy ha detto...

cara grazie per il commento..mi hai regalato una prospettiva pr positiva..uno scorcio che on avevo mai colto!!!Per questo grazie

Anonimo ha detto...

Per Ilaria:

Sentirsi dire la schifa di verità, senza essere lisciata e rileccata, fa male, eh?!
Cazzo, svegliati. Questa E' la stramaledetta verità.

Jonny

Ilaria ha detto...

Jonny:

... ... ...

lasciamo stare. E' meglio.

minerva ha detto...

che blog... che sensazioni. ti dico subito nell'anoressia io non ci sono dentro e non intendo esserci dentro mai, se posso. però mi piace leggervi, mi piace sentire che lottate contro un abisso nero ch vi risucchia.

evaluna ha detto...

Ciao Ilaria, mi rendo conto che per te non sono nessuno, pero' ti prego, non gettare alle ortiche i progressi ottenuti...
Fatti aiutare dalle persone che ti vogliono davvero bene, senza arrivare a ridurti pelle e ossa, perche' poi per sopravvivere ti trovi di fronte un calvario senza fine...
Impara ad apprezzarti per quello che sei, la vera bellezza e' quella che hai dentro di te, e che si manifesta nel momento in cui riesci a non farti manipolare...
Non spegnerti lentamente come una candela, altrimenti tutto svanira', insieme ai tuoi sogni...la vita deve essere vissuta fino in fondo, anche se la strada in questo momento e' tutta in salita, per te come per me che ci sto riprovando dopo l'ennesima caduta nella bulimia...
Permetti a chi ti vuole bene di aiutarti, e un giorno penserai a questo periodo come un grosso buco nero della tua vita dal quale sei riuscita a risalire...se non ti fai aiutare rischi invece di esserne inghiottita senza piu' alcuna possibilita'...
Un abbraccio!

Anna ha detto...

Cara Ilaria,
i regressi purtroppo sono parte del percorso di ognuna di noi. Non lasciare però che questi cancellino i tuoi progressi: tienili sempre a mente, e ricorda che puoi fare un passo in più ogni giorno.
Un abbraccio affettuoso,
Anna

Veggie ha detto...

First of all... Ilaria, tutto questo è per te. Spero che ti possa essere d'aiuto anche solo un briciolino... quello che volevo dirti l'han detto le altre ladies come e meglio di me... Fanne tesoro e rileggitelo ogni volta che ti sentirai ricadere... Perchè non sarai mai sola... Finché sarai qui, con me, con noi, non lo sarai mai...

Second: Ragazze... GRAZIE MILLE A TUTTE!!... Siete semplicemente uniche, magnifiche, stupende, eccezionali, supportivissime, siete... oh, non riesco neanche a trovarla la parola giusta, da quanto lo siete, tutte quante... Quindi, come si suol dire, alzate gli occhi al cielo: è l'unica cosa più grande di voi.
GRAZIE...



P.S.= Jonny... ci siamo già intese, eh?!...

 
Clicky Web Analytics Licenza Creative Commons
Anoressia: after dark by Veggie is licensed under a Creative Commons Attribution-NoDerivs 3.0 Unported License.