Come gli alchimisti trasformavano il ferro in oro… voi potete trasformare l’oscurità in luce. Siete tutte benvenute.

venerdì 17 aprile 2009

Grazie Martina!

Ci sono momenti in cui le parole non bastano per esprimere ciò che si ha dentro...
Momenti in cui pensi che anche se oggi non ha fatto che piovere, non ci si può bagnare se nel cuore splende il sole...
Momenti in cui un'immagine può dire più del discorso più lungo del mondo...
Un'immgine come questa...














Martina... Grazie per questa bellissima giornata insieme.

Guardando la nostra fotografia non posso che pensare che siamo ancora in tempo per ricominciare a ridere. Siamo ancora in tempo per scrollarsi tutto e vivere. Dobbiamo solo prendere tutto il coraggio che abbiamo e ricominciare a camminare, e convincerci che combattere è davvero possibile. Quello che abbiamo passato non lo possiamo dimenticare, ma tra prendere e lasciare non si deve più aspettare, perchè il tempo che perdiamo non ce lo ridà nessuno...

Ti voglio bene...

29 commenti:

La Ely ha detto...

Bellissima dedica e si vede che siete raggianti.
Come dimostra anche l'immane tragedia dell'Abruzzo, sentire qualcuno vicino, nella continua lotta del vivere, essere toccati da un'altra anima dà un'energia incredibile.

PS: scovata carie dal dentista..la mia prima..TERROREEEE!!!! Ma l'affronterò lunedì..sperèm
Buon week end!

Imperfect ha detto...

Ciao ragazze! Che piacere vedere quei sorrisi! Ogni tanto passate dal mio blog... c'è ben poco da commentare, ma magari mi sentirei meno sola... un bacione!!!

Mel.. ha detto...

uuuuuuuuuuuuuu che bello!!!! vi siete viste... come siete belle... sorridenti....

un abbraccio forte...

francesca ha detto...

un abbraccio a tutte e due...siete stupende
:-*

NERO_CATRAME ha detto...

Meravigliose!
"il tempo che perdiamo non ce lo ridà nessuno..."quindi non facciamo che quello passato sia sprecato e costruiamo il presente.

Anonimo ha detto...

Che carine che siete tutt'e due :-)
Felice sabato :-)
Pachucha.

balua ha detto...

.. ma che belle che siete!!

Sorridete sempre, mi raccomando!!

Anonimo ha detto...

che dire...sono senza parole! e per chi mi conosce sa che è difficile..e ora sa anche veggie quanto parlo!!
non mi resta che un semplice grazie, grazie a noi che ci stiamo dando la possibilità di tornare ad apprezzare quella vita che per troppo tempo non abbiamo trattato come meritava e non c'è niente di meglio di una mattina tra amiche passata a chiccherare di tutto e di più per riscoprire quanto sia bello e dopotutto semplice amarsi e amare la vita con tutte le sue piccole cose!

per la cronaca avevo postato il commento anche ieri.ma non so che fine abbia fatto!!!ecco diciamo che i piccoli misteri della realtà virtuale non sono tra le cose che amo di più..ma dopotutto niente internet, niente blog..niente veggie..eccetera eccetera!

martina

Annarita ha detto...

Grazie,Veggie, per questo messaggio positivo, e per questa bella iniezione di energia e di speranza nel futuro.

L'immagine che hai postato è più significativa di mille parole.

Un abbraccio
annarita

frufrupina ha detto...

Ciao tesoro...siete bellissime...sorridenti che belle che siete tenere e dolcissime.Ciao gioia serena serata e dolce domenica.

Lorenzo ha detto...

nel mio cuore
nevica sempre
anche se c'è il sole

veronica ha detto...

E' davvero bello quello che fai! Buona settimana!

Vele/Ivy ha detto...

Davvero dei sorrisi solari, si vede che siete state bene insieme. Hai fatto bene a postare quest'immagine! L'amicizia è sempre un dono preziosissimo.

don Luca ha detto...

Grazie, perchè oggi dire grazie publbicamente, senza riserve, senza doppi fini, ma solo per affetto e per condivisione è una merce rara, ne abbiamo bisogno, come timidi raggi di sole tra le nubi!

Fede ha detto...

Ciao Veggie. Sono Fede. Tornero' il 24 aprile, non vedo l'ora!
Sei bellissima in questa foto, i tuoi occhi sono enormi terrazze ricche di fiori e colori. Sei la mia forza, amica cara.
In questa vacanza ti ho pensata molto, ho pensato alla mia lotta contro il buio e tra alti e bassi disastrosi, ti ho vista e sentita vicina. Sei sempre qui con me, non dimentichero' mai tutto quello che hai fatto per me.
Sei un angelo, cara Veggie.
Ti stringo forte forte a me
Fede

Anonimo ha detto...

Che belle che siete :-)
Mia

Mel... ha detto...

Un colpo nello stomaco....

Parlando del più e del meno con la persona più cara che ho al mondo ho capito che "il mostro" sta prendendo anche lei.. non gli bastavo io.. deve prendere anche un raggio di sole come lei...
BHO... non so che dire...
In verità la botta non e stata del tutto inaspettata perchè gia sapevo che la situazione,familiare,e di vita in generale,non è delle più belle, quindi già avevo intuito che se non era arrivata alla depressione ci mancava poco.
Ma poi sentire "IL CIBO è UNO DEI PIù GROSSI NEMICI" mi ha aperto gli occhi completamente su quello che gli può passare per la testa in questo momento.
Non so neanche io cosa poter fare esattamente perchè abita a 2 ore da me e non posso fisicamente starle tutti i giorni vicino come vorrei invece fare così d'istinto.
Tra le altre cose poi non è neanche una persona che ama parlare di se, che riesce a sfogarsi completamente, neanche con me, nonostante mi ritiene l'amica migliore che ha.
Per alcune cose non ho bisogno che lei me ne parli che già capisco cosa sta pensando, ma in questo caso sento che non è cosi.
Sento che su questa cosa non la riesco a capire fino in fondo per aiutarla come merita e come ne ha bisogno.
Un grande "NON SO CHE FARE" sta nella mia testa in questo momento.

Scusate lo sfogo, ma so che qui, meglio che da qualunque altra parte, posso essere capita e ascoltata da persone meravigliose.

A presto....UN ABBRACCIO FORTE...

Veggie ha detto...

@ La Ely – Sì… Come si suol dire, “union is strenght”… ed è assolutamente vero… Sapere che qualcuno sta combattendo la nostra stessa battaglia, e che perciò possiamo combattere insieme dandoci una mano e sostenendoci a vicenda, dà davvero una grande forza…

@ Imperfect – Ma lo sai che appena posso sono da te, vero? Non mi dimentico mai di te!!... Ti abbraccio forte… E sappi che non sarai mai sola… Perché io ti sarò sempre vicina…

@ Mel – E spero un giorno di poter vedere anche te… Lo spero proprio tanto… E vedrai che quel giorno saremo anche noi più che sorridenti… Semplicemente perché saremo felici di essere insieme e di essere noi stesse… Non vedo l’ora che arrivi quel giorno… Ti voglio bene…
-------
Per quanto riguarda quello che mi hai scritto nel tuo secondo messaggio… In primis, non ti devi scusare assolutamente di niente… questo blog è qui anche e proprio per accogliere gli sfoghi di chiunque abbia voglia di gridare…
A parte questo, per quanto riguarda la tua amica… credo che l’unica cosa veramente importante sia che tu abbia capito le cose come stanno e che sei disposta a darle una mano. Quindi, per prima cosa, secondo me tu dovresti provare a metterti in contatto anche con altre sue amiche che le sono più vicine fisicamente, in maniera tale da costruirle tutte insieme intorno una sorta di “rete di solidarietà”. Falle capire che le amiche possono essere un po’ come la sua famiglia, e che quindi può fidarsi e confidarsi con te e con le altre sue amiche. Tu stalle vicina nel migliore dei modi che puoi. Non obbligarla a parlare con la forza di qualcosa che non le va tipo terzo grado all’interrogatorio poliziesco, ma falle capire che di qualsiasi cosa avesse bisogno di parlare, tu ci siete. Tu ci sei. Falle capire che qualsiasi cosa possa dire, verrà ascoltata, e assolutamente NON giudicata, visto che quello che vive lei l’hai vissuto anche tu. L’importante è, nel momento in cui ti sei resa conto di come stanno le cose, di non fare finta di niente. Una persona con un DCA (te lo dico, ma so che lo sai anche tu, come e quanto me) a suo modo, per quanto goffo ed inconsapevole, è una persona che cerca di attirare l’attenzione. Una persona che lancia un SOS perché in realtà ha bisogno di essere aiutata. Non fare finta di non capirlo, visto che in realtà l’hai capito. Parlale con franchezza. Non obbligarla a risponderti, ma fai in modo che ti ascolti. Questo è già molto importante. Dille che certe cose le sai perché le hai vissute, perché le stai vivendo, e che se lei volesse parlartene tu la ascolterai. Che se lei volesse una mano, tu la aiuterai. Stalle vicino. Falle capire che la apprezzi per quello che è dentro, non per quello che è fuori. Se anche stesse così male, se anche la sua vita fosse già un disastro… proprio per questo dovresti parlarne con lei e cercare di fare in modo che non diventi qualcosa di ancora peggiore! Lei non sa quanto è fortunata ad averti vicino… ad avere vicino un’amica che si preoccupa fino a questo punto per lei… Non ti aspettare che sia lei a venire a dirti del suo DCA o che comunque c’è qualcosa che non va, perché questo, lo sai, non lo farà mai. Una volta tanto, abbandona la filosofia del “se hai voglia di parlarmene sono qui”… no, tu devi aiutarla a parlarne, perché lei da sola non ce la fa… Ma inconsciamente, con quello che si sta facendo, sta già chiedendo aiuto… ha bisogno di parlarne. Poi, si sa, è ovvio che non si può salvare chi non vuole essere salvato. Ma se tu non tendi la mano, se tu non provi a smuovere la situazione, sicuramente lei non riuscirà a fare niente… mentre invece, se tu allunghi la mano… può anche darsi che lei la afferri. Non suggerirle psicoterapie o niente del genere, perché questo potrebbe bloccarla e far peggiorare la situazione… offrile semplicemente il tuo appoggio, la tua comprensione, il tuo ascolto da amica, e cerca di aiutarla a tirare fuori quei problemi che la opprimono… poi, piano piano, le cose vengono da sole…
Ti faccio un enorme in bocca al lupo…
E, per qualsiasi cosa, sai dove trovarmi…
Ti abbraccio…


@ Francesca – Grazie… Lo sei anche tu… Spero che ci possiamo incontrare tutte insieme, un giorno… Ti abbraccio forte forte fortissimo…

@ NERO_CATRAME – Dobbiamo utilizzare il passato in maniera costruttiva… Non come un’ombra su di noi, ma come un qualcosa da cui poter attingere per costruire un presente e un futuro che siano come vogliamo noi…

@ Pachucha – Grazie, tesoro!... E scommetto che sei bellissima anche tu… Sia fuori che, soprattutto e più importante, dentro…

@ Balua – Grazie mille… Hai ragione, avere sempre il sorriso sulle labbra è un’arma molto forte ed importante per affrontare le difficoltà della vita…

@ Martina – Tesoroooo!!! Grazie, grazie, grazie… Grazie per questa bellissima giornata, grazie per le tue parole, grazie di tutto… Non so davvero che dire… hai fatto splendere il sole anche sotto la pioggia... Ti voglio un vallo di bene!!...

@ Annarita – Già… perché il futuro è davvero tutto ciò che ci rimane e su cui possiamo agire… Possiamo costruirlo come vogliamo… e solo noi ne saremo le artefici…

@ Frufrupina – Ciao bella, grazie per le tue parole… Ti abbraccio forte…

@ Lorenzo – Ti auguro solo di poter invertire presto le due frasi… Perché siamo solo noi che decidiamo il bello e il cattivo tempo della nostra vita… E sei solo tu che puoi decidere come sentirti, e quanto fare in modo che gli eventi esterni ti condizionino e ti trasformino…

@ Veronica – Grazie per le tue parole… Penso comunque che chiunque al posto mio farebbe altrettanto, non penso di fare niente di speciale… Comunque spero di poter incontrare anche te, un giorno…

@ Vele/Ivy – Penso che l’amicizia sia la cosa più bella e soprattutto più importante della nostra vita… Una cosa per cui vale davvero la pena di vivere…

@ don Luca – Penso che l’affetto che si prova per una persona sia l’unico motivo per cui si possa veramente dire grazie… non avrebbe altrimenti senso…

@ Fede – Ciao bellissima!! Non vedo l’ora che torni per poter ricominciare a leggere il tuo blog con regolarità!! Grazie per le bellissime parole che anche questa volta mi hai lasciato… Sei un vero tesoro… Continua a tenere duro… Io ti sarò sempre vicina… comunque vada e in qualsiasi momento… starò sempre vicina a te… Basta che allunghi la mano… e la mia sarà dall’altra parte, pronta ad afferrarti per continuare a camminare insieme…

@ Mia – Grazie mille!... E scommetto che lo sei anche tu… Molto, molto più di quel che credi…

Mel... ha detto...

Grazie per tutti i consigli tesoro bellissimo...
Io in realtà forse lo so cosa le devo dire ma una cosa è quando succede a te,un'altra cosa è vedere che succede ad una persona che per te è tanto speciale.

Grazie... ti voglio bene...

Anonimo ha detto...

A Mel:
Devi esser forte, affinchè la tua amica tragga da te la forza che le permetta di andare avanti... non abbandonarla, non farla sentire mai sola anche se siete fisicamente distanti, anche se la situazione è difficile anche per te, perchè potrebbe sentirsi in colpa e trovare in sé la causa della fine di un rapporto di amicizia a cui tiene sicuramente moltissimo e che la motiva a guarire.
Non farle mai il terzo grado, ma incitala a continuare e ricordale sempre quali sono i suoi pregi e le sue qualità in ogni campo cosìcchè lei si senta sicura di sè e si senta più forte per guarire.
motivala, incitala, lodala, stalle vicino, dille di non preoccuparsi, non farla sentire in colpa e stalle accanto anche a distanza essendo forte anche per lei, visto che questa esperienza l'hai vissuta anche tu.

Lety

Veggie ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Ciao Mel, mi dispiace che la tua amica stia male e trovo che sia molto bello da parte tua volerla aiutare. la cosa migliore che puoi provare a fare in questo momento è starle vicino, ascoltarla, farle capire che per lei ci sei, e soprattutto provare con molta delicatezza a cercare di convincerla a rivolgersi ad un centro per i disturbi alimentari, a un terapeuta dell'AIDAP o a chiunque abbia una qualifica che possa aiutarla. Questo perché prima si inizia una terapia e più alte sono le possibilità di successo in un tempo abbastanza rapido. In bocca al lupo ad entrambe...

martina

Mel... ha detto...

GRAZIE A TUTTE!! grazie tantissimo per il supporto che mi state dando.... GRAZIE......

Seguirò i vostri consigli, e ricordate che ci sono per tutte voi...
GRAZIE...VI ABBRACCIO FORTE...

Anonimo ha detto...

Per Mel: Parlale. Parlale assolutamente. Falle capire quello che hai vissuto sulla tua pelle. Dille che tutta l'esaltazione derivante dalla restrizione non vale tutta la merda che poi ne consegue. Non la mettere nelle mani degli stronzi camici bianchi strizzacervelli che per ogni problema risolto ne creano altri tre... Stalle vicina tu, con la tua amicizia, con il tuo supporto, con la tua esperienza. Falle capire che, sì, l'anoressia è un trampolino di lancio... ma quello che l'aspetta nella conseguente caduta è una dannata botta su un fondo di pietra. Non vale la pena. E' la cazzo di cosa che ti fa stare più maledettamente bene di tutta la tua vita, ma non vale la pena comunque. Purtroppo. Afferrala prima che cada. Sei ancora in tempo. Puoi fare moltissimo per lei. Puoi fare la differenza.

Jonny

Duccia ha detto...

Siete bellissime... E siete REALI... Quello che state facendo è REALE...

A Mel:

Stalle accanto… Anche se non siete fisicamente vicine, non significa che tu non possa farle sentire che ci sei, quando ne avrà bisogno, e anche quando non vorrà… Tu ci sarai sempre… Una mail, una telefonata, uno squillo sul cellulare… Sono modi per dire sono qui… Senza pretese, senza aspettative, senza giudizi… Sono qui con te… Per te…

Stalle accanto come amica… Non cercare di sostituirti a medici, psicologi, o a lei stessa in questa battaglia, perché non sarebbe giusto, oltre che impossibile… Ognuno ha un proprio ruolo che è fondamentale venga rispettato… Da una parte il sostegno di una futura terapia, se la tua amica, come spero, troverà la volontà e avrà la forza di affrontarla… Dall’altra il sostegno di un’amica, completamente diverso… Unico, insostituibile… Necessario…

Stalle accanto combattendo per te stessa la tua personale battaglia contro quelo mostro che già troppo si è portato via… E adesso minaccia di portarsi via anche lei… Falle vedere che anche tu stringi i denti, che anche ti cadi e ti rialzi, che anche tu ce la stai mettendo tutta… Falle vedere che è possibile tutto questo…

Stalle accanto come persona che ci è passata, e che sa già quelle che sono le trappole nascoste lungo il percorso dorato che l’anoressia ti promette… Tu conosci il nemico e conosci lei… Per una volta questo può darti una marcia in più per toccarle corde che altri non saprebbero, potrebbero fare… Niente vademecum e libretti di istruzioni con frasi standard sul “come comportarsi in queste situazioni”, niente giusto e niente sbagliato… Conosci lei, conosci la malattia… Siete insieme sul campo di battaglia… Le strategie di combattimento per vincere la guerra sono già tutte dentro te, devi solo seguirle…

Puoi fare tutto questo…E potrà non bastare… Perché la decisione ultima spetta a lei…Devi metterlo in conto… E se questo dovesse accadere, avrai bisogno di spalle larghe per non mollare, non mollarla… Anche se ti sembra di non farcela, anche quando sarà difficile, anche se ti senti inadeguata, impotente, inutile, stanca, arrabbiata… Ogni sua caduta sarà anche la tua caduta… Succede così quando si tiene stretta la mano di una persona… Ma non mollare mai la presa, non mollarla… Quando ci si da la mano, è più facile anche rialzarsi… Ti assicuro che alla fine ne sarà valsa la pena…

Vi abbraccio forte forte…

A Jonny:

Definisci i medici, psicologi e professionisti in genere “stronzi camici bianchi strizzacervelli che per ogni problema risolto ne creano altri tre...” e non posso dirti in assoluto che non sia vero, sarei una bugiarda se lo facessi… Però scelgo di vederla diversamente…
I medici sono persone, con tutto quello che questa parola sta a significare… E’ orribile che nella tua esperienza abbia incontrato solo persone ciniche, chiuse, ottuse, incapaci di tenderti una mano ( o almeno così sembra dalle tue parole… )Xchè è quello che dovrebbero (devono) fare, tendere una mano intendo… Io ti salverò è un enorme cazzata, frutto di un narcisismo, onnipotenza o di chissà cos’altro, ma chiunque la dica, o solo la pensi ha già perso in partenza… Non si deve salvare nessuno, non c’è nessuno spazio per la gloria e per gli eroi, la battaglia non è la loro da combattere… La persona che si trovano di fronte ( paziente, utente, cliente, chi se ne frega dell’ etichetta che per convenzione le viene data, per prima cosa resta ed è comunque una persona…) troverà da sola il modo per aumentare i proprio gradi di libertà fino a che le è possibile… Le armi per combattere… La forza per rialzarsi e incominciare a camminare… A volare… Il medico, lo psicologo, la persona ( si, di nuovo la persona) sarà lì per accompagnarlo in questo cammino, al suo fianco, per trovare insieme la strada e percorrerla… Le persone con cui hai avuto a che fare probabilmente non lo sapevano fare… Tanti non lo sanno… Anche nella mia poca esperienza sono riuscita a vederlo, posso solo immaginare ciò e come l’ hai visto tu… Ed è scoraggiante… E fa schifo… Tanti non lo sanno…Tanti non lo vogliono proprio sapere…Tanti…Ma non tutti… Come in tutte le cose, va cercato e ricercato, provato e riprovato per trovare ciò che si cerca, ciò di cui si ha bisogno… per trovare l’unica persona tra le cento, mille disponibili, nei loro orientamenti diversi, nei loro modi, nelle loro concenzioni, che ti aiuti a volare… Lo auguro all’amica di Mel… E anche a te, se ne hai ancora voglia…

Mel.... ha detto...

GRAZIE duccia... grazie di cuore... tutti i tuoi consigli mi sembrano ottimi.
Forse difficili da applicare, (sopratutto perchè se penso che alla fine può decidere di lasciarmi perdere e cadere sempre più giù, mi sento male)ma li seguirò.
GRAZIE di esserci ...

Jonny Grazie anche a te...le sarò vicina il più possibile, con tutte le mie forze.

Ancora GRAZIE a tutti ...

Vi abbraccio forte...a presto...

Anonimo ha detto...

Per Duccia: Dammi retta, non sai di cosa sta parlando. Credimi, certa gentaglia non può in alcun modo essere definita "persona". Solo "testa di cazzo". Ma anche questo è riduttivo.

Duccia ha detto...

Quanto male ti hanno fatto queste "persone" Jonny??? Come te l'hanno fatto?

Veggie ha detto...

@ Mel – Grazie a te per le tue parole… Lo so che sono 2 cose diverse… che quello che funziona per noi può non funzionare per gli altri perché siamo tutte persone diverse… Ma penso che anche solo standole vicina con la tua amicizia tu possa fare molto per lei… Io lo so che tu dentro di te hai già tutte le parole giuste… Perché sono quelle che ti servono per parlare di te a te stessa… e puoi farlo anche con lei… Saranno le parole giuste, te lo assicuro… Semplicemente perché saranno le parole di una persona che le vuole bene… Semplicemente perché saranno le TUE parole…

 
Clicky Web Analytics Licenza Creative Commons
Anoressia: after dark by Veggie is licensed under a Creative Commons Attribution-NoDerivs 3.0 Unported License.